PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.














 
 

home> psicologia > la solitudine

la solitudine

La solitudine non è solamente un sentimento personale, scaturisce da un bisogno innato di relazione con i propri simili. La sua intensità dipende dalla qualità dei rapporti interpersonali, soprattutto in particolari fasi della vita. La solitudine può essere definita una sofferenza alimentata dalle condizioni dell'ambiente. Per un bambino di tre/quattro anni, la solitudine è collegata all'umore dei genitori: "quando la mamma mi sgrida", "quando mi puniscono perché sono cattivo", "quando papà è arrabbiato", etc. Il mondo del bambino di quell'età è rappresentato soprattutto dalla famiglia. Per l'adulto l'ambiente sociale si allarga e la solitudine è percepita in modo più ampio, mi sento sola/o quando: "nessuno mi considera", "sono criticato", "a nessuno importa dei miei problemi", "non mi ama nessuno", "non ho nessuno da amare". Ci sono differenze tra individuo e individuo, ma la costante è la presenza delle persone che ci circondano. Ogni individuo sente di esistere e di valere qualcosa come essere umano se riesce a stabilire relazioni positive dove sentirsi riconosciuto, considerato e rispettato per quello che autenticamente è. La persona ammirata per la maschera sociale che indossa è una persona profondamente triste.

La paura della solitudine e soprattutto la sua intensità può dimostrarsi invalidante nel processo di crescita personale. Se una persona teme che l'invidia altrui possa trasformarsi in ostilità nei suoi confronti, al punto da emarginarla e lasciarla sola, si sviluppa una distruttiva fase di auto-limitazione dei propri potenziali.

Il bisogno di adeguarsi al gruppo per sentirsi accettati può superare la spinta all'autorealizzazione.

Si pensi alle situazioni dove un ragazzo o una ragazza rinuncia all'amore perché il partner non è gradito ai propri familiari, oppure all'impossibilità di assecondare le proprie passioni e il proprio talento per aderire alle attese del narcisismo dei familiari (mio figlio sarà avvocato come il padre, mia figlia sarà un insegnante come la madre, etc.). La paura di differenziarsi dal nucleo familiare o da un gruppo di appartenenza può produrre confusione, tensioni muscolari, negazione, in una miscela di emozioni dove il senso di colpa è un ingrediente sempre presente. Il tentativo di focalizzare un proprio desiderio si scontra con la difficoltà ad individuarlo con chiarezza. Quando chiedo ai miei pazienti: "quale desiderio riconosce in questo momento della sua vita?" Sento tutta la difficoltà nel formulare un desiderio con chiarezza, ad esprimerlo sinteticamente, a visualizzarlo e nutrirsi del piacere anticipatorio che solo un "sogno nel cassetto" può alimentare. A volte la risposta è: "a che serve?", Si tratta di persone, a volte mature, arrese alla vita, una vita densa di insuccessi, di paure e sensi di colpa scollegati dalla realtà. Sono individui compressi, schiacciati dai limiti propri della rete sociale di appartenenza; rinunciano alla propria esistenza libera per paura di rimanere soli, criticati, stigmatizzati, derisi.  Perdono la capacità di osare a sognare una vita piacevole, piena, vibrante. Per paura della solitudine rinunciamo alla nostra ricchezza interiore, per timore dell'emarginazione sopportano umiliazioni, prevaricazioni, maltrattamenti. Imprigionati dal peso dei limiti familiari, annebbiamo il nostro diritto ad essere liberi di affermare il diritto di una vita gioiosa e giocosa, dove il sorriso rappresenta l'alba di tutte le mattine.

L'origine profonda dei limiti all'autodeterminazione e all'autorealizzazione è racchiusa nel neonato che siamo stati.

Il terrore emotivo che prova il neonato quando non si sente guardato, carezzato, accolto, amato e sostenuto dalla madre, si declina nella vita adulta in disperazione, dolore e incessante ricerca della riparazione di quell'antica ferita. La psicoterapia può aiutare l'uomo privato della gioia e della base sicura dal punto di vista affettivo. Il tentativo di ricercala nella vita di relazione tra pari rinforza l'illusione di non essere amabili. Illusione generata nell'infanzia. Una madre depressa o ansiosa non riesce a raggiungere il bambino con il proprio amore, l'estraneità psicologica del depresso fallisce nel contatto intimo e intenso, la presenza fisica non è la presenza emotiva. Una madre limitata non è da condannare, occorre comprendere che può donare solo quello che ha, a sua volta non ha ricevuto e non può donare ciò che non le appartiene in termini emotivi e affettivi. Anche lei avrebbe bisogno di un aiuto, di un affetto vero, empatico, competente, adeguato. Se l'adulto riceve l'amore, il sostegno e la comprensione di cui ha bisogno, allora sarà in grado di percepire a livello inconscio quello che il bambino esprime in modo non verbale. Avere la forza di chiedere aiuto da adulti rappresenta l'atto eroico della propria esistenza, l'amore per i propri figli, per se stessi e per le persone vicine affettivamente consente di intraprendere un percorso di analisi, cura, comprensione, consapevolezza di sé, che precede l'autentica espressività e la gioiosa padronanza dei processi integrati: corporei e mentali. La salute mentale é salute corporea e viceversa, indispensabile per interrompere l'inesorabile coazione a ripetere il destino della propria progenie.



Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica