PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.














 
 

home> psicologia > perdere peso, dimagrire dal punto di vista psicologico

perdere peso, dimagrire dal punto di vista psicologico

Il peso appropriato per il benessere di un individuo è regolato dal cervello. Il bisogno di poter contare su meccanismi biologici innati è dimostrato dal problema comune di tentare di perdere peso. Frequentemente la gente lotta aspramente per perdere peso e raggiungere il peso "forma", che ritiene ideale. Si tratta spesso di una lotta inutile, molti piaceri sono associati al cibo: un'immagine di amore quotidiano e di convivenza affettuosa è quella offerta da una famiglia raccolta attorno a un tavolo in un momento lieto. Fino a pochi decenni fa non esisteva il riscaldamento nelle case e la temperatura corporea nei periodi freddi dipendeva dalla produzione di calore dall'interno, utilizzando il metabolismo. Il corpo funziona come un forno e il cervello svolge la funzione di termostato del corpo, ma se si assume più combustibile sotto forma di calorie di quanto richiesto per la produzione di calore e di energia, l'eccedenza sarà immagazzinata sotto forma di depositi di grasso. Per questo motivo quando si assorbono più calorie di quelle che si consumano, si acquista peso lipidico. Il guadagno e la perdita di peso lipidico non sono una semplice questione di calorie, poiché il cervello regola il peso attorno a un punto fissato, nello stesso modo in cui un termostato regola la temperatura. L'ipotalamo controlla il consumo di cibo, di bevande e il livello metabolico per aumentare o diminuire il dispendio di calorie. Guadagnare o perdere peso è più difficile di quanto potremmo predire in base a un semplice computo delle calorie. Il fatto che il cervello regoli con precisione il peso del corpo ci aiuta a comprendere il motivo delle variazioni di difficoltà nel perdere peso tra il periodo iniziale e quello successivo di un programma nutrizionale restrittivo dal punto di vista energetico. All'inizio di una dieta abbiamo appena cominciato a discostarci dal nostro punto fissato e la perdita di peso è relativamente facile. In seguito, discostandoci significativamente dal peso fissato, la perdita diventa sempre più difficile. Consideriamo le giustificazioni comuni:

  • Nella mia vita ho perso e ripreso peso con un andamento a fisarmonica. In ogni modo quello che ho perso con non pochi sforzi lo ho sempre ripreso.
  • Non importa quanto mangio, è come se fossi grassa/o per natura.
  • Mi basta annusare e guardare il cibo per ingrassare.

Sembra che alcune persone siano nate per essere in sovrappeso. Per certe persone la parte del cervello che regola il peso può essere semplicemente fissata su un peso maggiore. Questo fatto rende difficile se non impossibile perdere peso al di sotto del proprio punto fissato. In questi casi le persone che rispettano una dieta si battono contro una potente barriera biologica. Una delle ragioni per cui è difficile perdere peso sottoponendosi ad un regime alimentare programmato consiste nel fatto che i meccanismi regolativi del cervello cominciano subito a compensare la situazione di scarsità, conservando più efficacemente l'energia corporea. Quando il peso inizia a calare il corpo lotta con maggiore impegno per ripristinare il suo peso predefinito (il peso predefinito può essere condizionato anche da fattori inconsci profondi, ad esempio: una persona che ha difficoltà a stabilire i confini psicologici tra se e gli altri, potrebbe aver bisogno di un "cuscino adiposo" per sentirsi meno esposta e vulnerabile nelle transazioni sociali).  Questa situazione favorisce il rafforzamento della protezione incorporata dall'organismo e pone il punto fissato più in alto di quanto la persona possa desiderare. Poiché durante una dieta il corpo si abitua a operare con richieste di energia più basse, quando si interrompe la dieta e si mangia normale è probabile un aumento di peso. Il peso è mantenuto quindi in un delicato equilibrio, regolato in modo inconscio da meccanismi cerebrali innati. Tutto questo è confermato dalle testimonianze di molti sopravvissuti a disastri, come i campi di concentramento della seconda guerra mondiale.  Tra i molteplici atroci esperimenti condotti in quel periodo, i nazisti decisero di scoprire in quanto tempo sarebbero morte delle persone sottoposte a diete particolarmente ipocaloriche (300 calorie al giorno). La maggior parte delle persone morirono, ma in un piccolo gruppo ci furono molti sopravvissuti. Quando gli alleati liberarono i superstiti, chiesero al capo di questo gruppo che cosa avesse permesso loro di sopravvivere a differenza degli altri. Egli disse: "Ogni giorno, quando ci davano il nostro magro pasto, ci riunivamo tutti e parlavamo. Parlavamo dei pranzi più meravigliosi che avevamo mai fatto, e di quelli che avremmo potuto fare ancora. Forse il cervello può ricevere informazioni sul peso da fonti diverse dal cibo. Ecco perché "desiderando fortemente il cibo" si può aumentare di peso. Nel corso di una ricerca, persone che si limitavano a guardare una bistecca sfrigolate aumentarono la loro produzione di insulina. Questo accrebbe l'ingresso di grasso nelle loro cellule. Queste persone aumentavano di peso. Un altro esempio interessante venne fornito da uno studio piuttosto esteso. Jana Mossey e Evelyn Shapiro, dell'Università di Manitoba, studiarono tremila persone dell'età di sessantacinque anni e più. Ogni persona classificò il proprio stato di salute con giudizio da "cattivo" a "eccellente". Nello stesso tempo le condizioni di salute di ogni persona furono valutate sulla base della documentazione clinica. Ebbene, quelle fra le persone in condizioni di salute obiettivamente cattive, che giudicavano buona la loro salute, avevano probabilità di sopravvivenza migliori di quelle che, pur essendo in condizioni di salute obiettivamente buone, giudicavano cattiva la loro salute.  (Robert Ornstein, Richard F. Thompson, David Macaula - Il cervello e le sue meraviglie, alla scoperta di un universo fantastico - Rizzoli Milano 1987)

Anche se questo stato di cose ammette molte possibili interpretazioni, pare chiaro che ciò che noi crediamo di noi stessi può consentirci di modificare il nostro aspetto corporeo ed il nostro stato di salute. Per questo motivo una profonda esperienza di consapevolezza di noi stessi, nel rispetto dell'unità funzionale psiche-soma, favorisce quell'armonia, quell'equilibrio e quello stato di calma importanti per il benessere psicofisico e, di conseguenza, per il peso corporeo integrato e non scisso dagli aspetti della nostra personalità. In altre parole, se il peso in eccesso rappresenta una delle condizioni che sostengono la difesa psichica inconscia, smascherando la difesa e connettendo l'inconscio con la parte cosciente e consapevole, il processo di integrazione orienta l'individuo verso il benessere sia psichico che corporeo. Il peso in eccesso non rappresenterà più il castello nel quale poterci rinchiudere per paura delle avversità della vita. Attraverso la consapevolezza possiamo recuperare il coraggio di abbassare il ponte levatoio, uscire, vivere e godere della vita, sostenuti dalla nostra autenticità.

Per approfondimenti sui metabolismi energetici e le attività dimagranti
"click qui"

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica