PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.














 
 

home> psicologia > il sintomo

il sintomo
 

Il termine sintomo deriva dal greco e significa: 'evenienza', 'circostanza';Il sintomo non possiede una sua unicità, é l'effetto a lungo termine della convergenza di molteplici reazioni e adattamenti agli stimoli della vita. Indica un'alterazione della naturale e autentica sensazione di sé e del proprio corpo in relazione ad uno stato patologico. Può essere anche definito come conseguenza di un attacco al sé corporeo, strutturato nell'organismo e reiterato ad oltranza, fuori dalla consapevolezza. Il sintomo ci comunica anche che è danneggiata la consapevolezza di sé.

Quando neghiamo il diritto di cittadinanza a una sofferenza psicologica questa urlerà la propria verità nel nostro corpo, diventando sintomo. Ma il sintomo è solo la punta dell'iceberg, occorre inabissarsi per poter vedere dove origina la sofferenza e rendersi conto della sua dimensione. Il sintomo può essere considerato un fedele alleato del processo terapeutico, é orientato verso la salute e il benessere dell'individuo, in quanto la sua apparizione "costringe" o "invita" la persona a prendersi cura di se, a chiedere aiuto.

I problemi che le persone affrontano sono strutturati nella loro personalità da tanto tempo, la guarigione richiede impegno, sofferenza, coraggio, curiosità, amore di se e il tempo necessario. Ognuno può concedersi di rispettare i propri tempi e onorarli. La resistenza alla terapia, a chiedere aiuto; l'abitudine a voler fare da soli, ha permesso al bambino che è in tutti noi adulti di poter transitare tempi "folli" senza impazzire. E' folle chiedere a un cucciolo d'uomo di non piangere quando le lacrime sgorgano dai suoi occhi per sfogare l'emozione che sente in quel momento, ma accade. Non piangere! Non fare la femminuccia! Sii forte! Non sono imperativi infrequenti nelle famiglie, spesso sottolineano l'immaturità dei genitori a loro volta feriti da bambini, tuttavia rendono folle la situazione, almeno per il bambino che è costretto ad un notevole sforzo muscolare per bloccare la gola, il diaframma e altri muscoli volontari allo scopo di strozzare il suo pianto liberatorio. E' ancora folle chiedere ad un bambino di età inferiore a 24 mesi di controllare l'evacuazione, la muscolatura sfinterica, qundo il relativo controllo neuronale non ha ancora raggiunto la maturità necessaria. Il piccolo sarà costretto per sottomettersi e assecondare i genitori a contrarre i muscoli più grandi e potenti, tra cui i glutei, con conseguente tensione involontaria e permanente per reiterazione. La conseguenza sarà una retroversione dell'anca, tipica postura dei cagnolini spaventati che hanno "la coda tra le gambe". Anche questa è follia, tuttavia l'adattamento consente al bambino di transitare questo difficile periodo senza subire danni più gravi. La difesa caratteriale è stata un indispensabile alleato a suo tempo, per questo è degna di essere rispettata. Quando la sua presenza rende scomoda l'esistenza oltre il sopportabile (nella vita adulta) emerge la punta dell'iceberg, il sintomo. Un nuovo alleato che annuncia la fine della guerra, ora quella difesa, tanto utile in passato, è unicamente un ingombro fastidioso che si interponte tra i processi corporei e la gioia di vivere.

Il principio dell'Analisi Bioenergetica è l'identità funzionale e l'antitesi tra mente e corpo, o tra processi psicologici e fisici. Si tratta di un assunto teorico che deriva dalla realtà di un individuo. Una persona è un essere unitario, ciò che avviene nella mente deve avvenire anche nel corpo. Se una persona è depressa e sente pensieri di disperazione, impotenza e scoramento, il suo corpo manifesterà un pari atteggiamento depresso, mediante una ridotta motilità, un restringimento dell'onda respiratoria, un calo della luce nello sguardo. Si riduce il metabolismo e di conseguenza la produzione di energia. La mente può condizionare il corpo e il corpo può influenzare i processi psichici. Per questo motivo in determinate situazioni è possibile migliorare le funzionalità corporee con un diverso atteggiamento mentale. Ogni cambiamento ottenuto in questo modo è solo temporaneo se il funzionamento corporeo collegato non cambiasse a sua volta in modo armonico e significativo. Il cambiamento diretto delle funzioni corporee, come ad esempio la respirazione, ha un effetto permanente sull'atteggiamento mentale. E' noto che chi attraverso un respiro pieno aumenta il consumo di ossigeno ottiene una maggiore vivacità metabolica, che si traduce anche in vitalità espressiva ed energia psichica disponibile per affrontare le situazioni stressanti della vita. Favorire l'aumento dell'energia in un essere umano è il cambiamento fondamentale che il processo terapeutico deve ottenere per liberare l'individuo dai freni del passato e dalle inibizioni del presente.

Lo scopo della terapia è aiutare la persona a recuperare l'intera potenzialità del suo organismo. I traumi infantili danneggiano i bambini menomandoli nella gioia di vivere, spezzandogli lo spirito; il processo terapeutico favorisce il ritrovamento dentro se della pienezza della vita attraverso le emozioni e i sentimenti umani. L'incapacità di vivere la vita con pienezza è il disturbo di base della personalità, nascosto dai sintomi manifesti del corpo.

Mentre il sintomo denota in che modo l'individuo è stato danneggiato nella sua educazione, al fondo c'é la perdita di una parte del sé.   Per moltissime persone, nella nostra cultura, la vita è una lotta per sopravvivere e la gioia è un'esperienza rara.     (Alexander Lowen, Arrendersi al Corpo, capitolo I, pag. 9 Astrolabio, Roma, 1994)

 

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica