*home*     -     psicologo a domicilio - bioenergetica - nevrosi e tensioni - studio psicologia psicoterapia - psicoterapia - crisi di coppia 

Benvenuti! Questo sito è dedicato a  chi sente sofferenza, difficoltà nelle relazioni più importanti e desidera iniziare un percorso psicologico. E' sempre possibile migliorare la qualità della propria vita. Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3  -  tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935

Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
cervello e psicoterapia  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
nausea e cibo  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.
















 
 

home> psicologia > bioenergetica > aspetti energetici, energia e vibrazione

gli aspetti energetici delle difese caratteriali

Il premio Nobel Albert Szent-Gyorgi (1893-1986), chimico ungherese, ha vinto il premio Nobel nel 1937 per la sua scoperta dell’acido ascorbico o vitamina C. Egli ha affermato che ci vuole energia per muovere le ruote della vita. Tale energia è formata dai processi metabolici del corpo. Parte del cibo che mangiamo, soprattutto zuccheri e grassi, vengono ossidati dal corpo per ottenere energia. Questo processo comporta il consumo di ossigeno (metabolismo aerobico). Si misura il metabolismo basale sulla base dell’inspirazione di ossigeno in condizione di riposo e neutralità termica. La respirazione è un valido parametro per misurare il livello energetico di una persona: in genere se il respiro e fiacco tale livello è basso. Una respirazione più profonda va di pari passo con maggiore energia. E’ esperienza comune che aumentare il tiraggio di un camino accresce l’intensità del fuoco e produce più energia. Il legame tra respirazione, energia e sensazione può essere espresso così: quando ci si eccita si respira più profondamente; respirando più profondamente ci si eccita. La profondità del sentire è direttamente proporzionale a quella del respiro. Nella terapia bioenergetica cominciamo con la funzione del respiro perché è la via più diretta per aumentare il livello energetico dell’organismo. Cerchiamo di far respirare un paziente nel torace, nel diaframma e nell’addome in modo che l’onda respiratoria si muova nel corpo dalla testa ai piedi. La respirazione è anche direttamente collegata alla motilità del corpo. Non si può respirare liberamente se tensioni muscolari croniche bloccano il movimento dell’onda. Se il petto è rigido il respiro diventa diaframmatico, se l’addome è costretto tende a essere limitato dalla metà superiore del corpo. Via via che il paziente respira più profondamente, il corpo diventa più energetico e l’onda respiratoria acquista forza, armonia e si fa strada attraverso le tensioni. Un effetto immediato di un respiro profondo è far vibrare il corpo.
La vibrazione in genere comincia nelle gambe ma può estendersi verso l’alto e includere tutto il corpo. All’inizio il paziente può esserne sorpreso, allarmato o spaventato, ma ha un effetto così rilassante che presto la ricerca. Le vibrazioni possono essere intense o delicate a seconda del grado di carica e della quantità di tensione nel corpo. Se quest’ultima è forte, la respirazione profonda produrrà vibrazioni così forti che il paziente può sentirsi persino cadere a pezzi. Le vibrazioni hanno l’effetto di scuotere il corpo sciogliendo le sue tensioni croniche e incrementando così la motilità. Quando le tensioni diminuiscono, le vibrazioni diventano più sottili e coordinate, finché il corpo “ronza” come una macchina perfettamente oliata. Non si può avere una personalità vibrante in un corpo che non vibra. Se il corpo comincia a vibrare, la respirazione diventa spontaneamente più profonda e si mantiene tale finché durano le vibrazioni, che preparano il terreno per le espressioni spontanee del sentire. Quando le vibrazioni raggiungono il petto e la laringe, il paziente spesso comincia a singhiozzare. Le vibrazioni servono anche a liberare la pelvi e metterla in moto. Quando i movimenti pelvici spontanei si coordinano con l’onda respiratoria, appare il riflesso dell’orgasmo, ovvero la pelvi dondola in avanti e indietro a ogni respiro. La respirazione stessa è un atto auto espressivo che dipende dalla motilità dell’organismo: l’inspirazione è un protendersi aggressivo verso l’ambiente per prendere dall’atmosfera. C’è un flusso d’eccitazione che va su verso la testa e uno attivo per risucchiare aria e coinvolge bocca, la faringe e la laringe. Nell’espirazione l’eccitazione fluisce verso il basso, mentre l’aria viene espulsa passivamente. Nell’espirazione piena si può sentire l’onda di eccitazione che scorre giù nei genitali o nei piedi, attraverso i quali si radica nella terra. Questa pulsazione longitudinale associata al respiro è il movimento interno basilare dal quale sorge ogni atto auto-espressivo. Il flusso di eccitazione verso l’alto è collegato al prendere o al caricare.

Tutti i movimenti che sono diretti verso l’alto, tendono ad aumentare la carica dell’organismo. Ci protendiamo con gli occhi, le orecchie, le mani e la bocca per prendere impressioni, sostanze e affetti, ognuno dei quali stimola o carica l’organismo.
I movimenti che sono diretti verso il basso sono azioni di scarica o liberazione: atti espressivi di questo tipo sono piangere, ridere, il sesso, scalciare e correre. Abitualmente i due processi sono uguali. Possiamo scaricare solo se abbiamo preso, o caricarci solo se abbiamo scaricato. Lavorando con il respiro possiamo aumentare il livello della carica e quindi anche della scarica.

Dato che la respirazione è un movimento totale del corpo, ogni azione che è pienamente coordinata con l’onda respiratoria ha un tono emotivo. Se non lo è ha invece una qualità meccanica, priva di grazia. Si può dire che quando infondiamo in un’azione il soffio della vita, le forniamo sentimento.
Rispetto ai concetti di energia e pulsazione si possono descrivere quattro condizioni patologiche:

  1. Bassa energia: pulsazioni e sentire ridotti;
  2. Fissazione o blocco: la persona che è bloccata non può scaricare o liberare l’eccitazione;
  3. Depressione: la persona depressa non può caricare o aumentare il livello di eccitazione;
  4. Ansia: paura della pulsazione o movimento energetico interno.

STRUTTURE CARATTERIALI, ASPETTI ENERGETICI

SCHIZOIDE - energia congelata al centro: viso, mani, genitali e piedi sono freddi e privi di energia.

ORALE - ridotta carica energetica che fluisce verso la periferia: tutti i punti di contatto con il mondo esterno sono energeticamente deboli.

PSICOPATICO - spostamento dell’energia verso la parte superiore del corpo, riduzione della carica nella parte inferiore: blocco diaframmatico e pelvi contratta, capo sovraccarico.

MASOCHISTA - energia compressa ma non congelata. Forte carica energetica trattenuta con forza all’interno: impulsi soffocati nel collo, nella vita e nella zona pelvica. Impedimento della scarica affettiva, genitale e delle tensioni.

RIGIDO- corazza a maglie. Tutti i punti di contatto con l’ambiente sono carichi: controllo periferico che consente il flusso dei sentimenti, pur essendo limitati nell’espressione.

NARCISISTA - blocco energetico alla nuca. Mancanza di vitalità: senso di vuoto e scarica delle tensioni debole.

Il progetto terapeutico si pone l’obiettivo di favorire l’aumento del livello energetico di un paziente in modo da liberare progressivamente le tensioni accumulate in decenni di esistenza, nel rispetto della personalissima e mutevole nel tempo: “finestra di tolleranza”.
Come mai per così tante persone è difficile respirare in modo pieno e libero? La risposta è che la respirazione fa emergere le emozioni e le persone hanno paura di sentire. Hanno paura di sentire la loro tristezza, la loro rabbia, la loro paura. Da bambini trattenevano il respiro per bloccare il pianto, portavano indietro le spalle e irrigidivano il petto per contenere la rabbia, contraevano la gola per non urlare. Il risultato per ognuna di queste operazioni è quello di limitare e ridurre il respiro. Per converso, la soppressione di una qualsiasi emozione porta a un’inibizione del respiro. Da adulti inibiscono la respirazione per mantenere la repressione di queste emozioni, così l’incapacità di respirare normalmente diventa l’ostacolo principale al recupero della salute emotiva. Dato che non si può eliminare tale repressione finché non viene ristabilita la respirazione, è importante capire il meccanismo che blocca il respiro. Parlerò di due disturbi tipici. Nel primo la respirazione è più o meno limitata al torace, con l’esclusione dell’addome. Nel secondo la respirazione è soprattutto diaframmatica, con scarso coinvolgimento del torace. Il primo tipo di respiro è tipico della personalità schizoide, il secondo di quella nevrotica. L’individuo schizoide manifesta un rifiuto inconscio a respirare perché è fissato allo stadio uterino, quando i suoi bisogni di ossigeno venivano soddisfatti senza sforzo da parte sua. Per vincere il blocco schizoide dell’inspirazione è necessario sciogliere il suo terrore e mobilizzare la sua aggressività. Deve sentire che nella vita ha diritto a chiedere, a succhiare, nel senso più primitivo del termine. Nell’individuo nevrotico, nel quale l’aggressività non è bloccata come nello schizoide, il torace è immobile mentre il diaframma e la parte superiore dell’addome sono relativamente liberi. La difficoltà del nevrotico è nell’espirazione, è un processo passivo, si tratta di lasciar andare: la piena espirazione è un cedere, un arrendersi al corpo. Lasciar andare l’aria viene vissuto come un lasciare il controllo, cosa di cui il soggetto nevrotico ha paura. (Alexander Lowen, La voce del corpo, Astrolabio, Roma, 2009, cap. III° - pag. 88).

 

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi

 



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Via Dante, Foro Buonaparte, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Via Buonarroti, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Porta Ludovica, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia. Psicologo a domicilio. A Milano psicologo a domicilio
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica