*home*     -     psicologo psicoterapeuta - bioenergetica - nevrosi e tensioni - studio psicologia psicoterapia - psicoterapia - crisi di coppia 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3  -  tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935

Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.














 
 

home> psicologia > bioenergetica > psicoterapia corporea

la psicoterapia corporea

La psicoterapia corporea ha radici quasi altrettanto remote di quelle della psicoanalisi. Lo stesso Freud sul finire del diciannovesimo secolo praticava massaggi ai suoi pazienti. In quel periodo alle persone sofferenti di “crisi di nervi” era prescritta una “cura di riposo”, un soggiorno in una stazione termale e frequenti massaggi, spesso somministrati dallo stesso medico curante. La psicoanalisi ebbe inizio durante un massaggio. Era la prima seduta, ci dice Freud, in cui saggiava la tecnica delle associazioni libere; massaggiò la sua paziente Emmy Von N. per l’intera seduta e contemporaneamente effettuò una terapia verbale. Ma invece di lavorare sull’ipnosi, come aveva fatto fino ad allora, decise di lasciare che la paziente associasse liberamente; cosa che lei riuscì a fare con ottimi risultati. Era nato il movimento psicoanalitico. Successivamente, Freud abbandonò il massaggio. Pur considerandolo importante si è sempre dimostrato interdetto di fronte all’enigma mente/corpo. Lo lasciavano perplesso il comportamento fisico-mentale dei soggetti ipnotizzati (1904), o il concetto di pulsione, che secondo lui sta “al limite tra lo psichico e il corporeo” (1905, p. 479). In una lezione tenuta a un gruppo di studenti di medicina fa questa straordinaria affermazione che deve averli lasciati sconcertati:
Né la filosofia speculativa né la psicologia descrittiva o la cosiddetta psicologia sperimentale connessa alla fisiologia degli organi di senso, così come vengono insegnate nelle scuole, sono in grado di dirvi qualcosa di utile sulla relazione tra il corporeo e lo psichico…. (1915, p 204). (George Downing, Il corpo e la parola, Astrolabio, Roma, 1995, sezione V° - pag. 328)

Come Freud, anche Georg Groddeck, il primo psicoterapeuta corporeo, praticò a lungo e abitualmente il massaggio ai propri pazienti. A differenza di Freud non lo mise da parte dopo aver cominciato a praticare la psicoanalisi. Convinto dell’efficacia di entrambe le tecniche, la fisica e la verbale, elaborò una modalità terapeutica in cui esse erano utilizzate congiuntamente. Oggi Groddeck viene citato frequentemente insieme a Franz Alexander come uno dei “padri” della medicina psicosomatica. Groddeck aveva sostenuto il concetto di “unità mente-corpo”, anche se la sua elaborazione di questo concetto era forse piuttosto oscura, non lo era l’ardente fiducia che vi poneva. La psicoterapia verbale gli apparve come il naturale completamento del trattamento corporeo, piuttosto che un’attività in competizione; egli massaggiava e psicoanalizzava, facendo assegnamento sia alla sua “testa”, sia alle sue “mani”. Un’integrazione mente-corpo, più volte indicata nel concetto di unità funzionale da Wilhelm Reich e da Alexander Lowen: “La psicoterapia bioenergetica mira all’integrazione dell’unità funzionale psiche-soma e utilizza molteplici tecniche espressive, sia a livello verbale, sia a livello corporeo, sia unendo il verbale ed il somatico: unità funzionale psiche-soma”.
Salvador Ferenczi, pur non avendo mai praticato la psicoterapia corporea, vi si avvicinò con interesse e, grazie all’influenza dello stesso Groddeck, contribuì a porre le basi teoriche. Prima dell’incontro con Groddeck, Ferenczi aveva già cominciato a rivolgere una certa attenzione alle posture, ai gesti, ai movimenti, alle intonazioni della voce dei suoi pazienti; in contrasto con la posizione dell’epoca riguardo al corpo, osservato dall’analista come una specie di nemico. La prima tecnica corporea utilizzata da Ferenczi, la “tecnica attiva”, consisteva nella possibilità per il terapeuta di inibire al paziente un determinato movimento o una particolare postura sorti spontaneamente, per osservare in seguito quale materiale raggiungesse la coscienza. Successivamente, a seguito della collaborazione con Groddeck sfociante in una profonda amicizia, Ferenczi modifica radicalmente la sua tecnica attiva. Incoraggia i pazienti a sperimentare una maggiore consapevolezza dell’esperienza corporea in atto, lasciando che il corpo si esprima attraverso movimenti o posture apparentemente non abituali. Siamo di fronte ad una completa inversione teorica, molto vicina alla pratica clinica bioenergetica, che accoglie tutto ciò che il corpo comunica implicitamente per poi trarne significato nei contenuti e nelle sensazioni soggettive. Un’emersione di “qualcosa dal corpo”. In una fase successiva (1926-1933), Ferenczi approfondisce la sua ricerca attraverso una diversa visione nel modo di affrontare il trauma. Ora gli interventi sul corpo provocano anche stati corporei regressivi, ed è possibile aiutare i pazienti non solo ad incontrare le precoci esperienze dolorose della vita, ma anche a lasciare che lo stato regressivo trovi un suo consolidamento. Una via nella direzione dell’integrazione. Mentre prima lo avrebbe interrotto al momento stesso della sua comparsa, ora lo aiuta a prolungare questi momenti. I risultati sono sorprendenti, ad esempio l’emersione delle violenze sessuali subite. Servirsi del corpo per entrare in contatto con il passato consente l’emersione di storie di violenze con tutte le loro sofferenze. E’ costretto a riconsiderare la concezione, allora prevalente sulla cerchia analitica, secondo la quale i pazienti, quando alludono a questi eventi, stanno solo reagendo alle loro fantasie. Nel 1930 scrive:
In questi ultimi tempi mi sono dovuto infine occupare sempre più di frequente del trauma patogeno stesso. E’ risultato che il trauma è molto più raramente di quanto si credesse la conseguenza di un’elevata sensibilità innata nei bambini, che reagirebbero in modo nevrotico a un aumento del dispiacere magari banale e inevitabile; il trauma sarebbe quasi sempre, viceversa, la conseguenze di un modo effettivamente sbagliato, privo di comprensione e di tatto, lunatico e addirittura crudele di trattare i bambini (1930 p. 391).
Specialmente in fatto di incesto e di violenza sessuale troppi genitori e adulti… giungono veramente a degli eccessi (1930 p. 392).

 

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi


 



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica