PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo a domicilio - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Benvenuti! Questo sito è dedicato a  chi sente sofferenza, difficoltà nelle relazioni più importanti e desidera iniziare un percorso psicologico. E' sempre possibile migliorare la qualità della propria vita.
Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
cervello e psicoterapia  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
nausea e cibo  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.
















 
 

home> psicologia > la metafora dell'anziano saggio e del bambino rabbioso

l'anziano saggio e il bambino rabbioso
Metafora ispirata dal Congresso SIAB “Trauma e Resilienza, Il sentiero dell'Analisi Bioenergetica” Ostuni (BR), 12 - 14 giugno 2015, interventi di Edson Garlao de Franca

In un villaggio ai confini del mondo la comunità è arricchita dai preziosi consigli di un anziano saggio che vive in una casa nel bosco. Il saggio sa tutto e le persone lo amano per la sua generosità nell'aiutare la gente che si reca da lui per attingere alla sua profonda saggezza. Nel villaggio, tutti parlano con ammirazione di lui e non mancano di passare a trovarlo portandogli doni e intrattenendosi per una chiacchierata. Anche se vive in solitudine, l'anziano è circondato da amore e attenzione. Un bambino i cui genitori non mancano di richiamarlo, di svalutarlo e minimizzare ogni sua conquista è profondamente arrabbiato e invidioso del saggio. Lui ce la mette tutta per dimostrare di essere bravo, competente, adeguato e... saggio. Purtroppo i suoi sforzi e la sua energia sono così tesi da non poter nascondere le smorfie di sforzo che deformano il suo bel visino, nel tentativo di sembrare quello che non é. La gente se ne accorge e lo schiva, rinforzando il suo dolore e la sua rabbia. Questo bambino è assetato di amore e di attenzione, tuttavia non riesce ad entrare in contatto con la sua rabbia in modo costruttivo. Invece che migliorare se, ripete nelle sue relazioni, come un sortilegio dal quale non riesce a sottrarsi, la posizione svalutante che i suoi genitori gli riservano. Una parte si se è interamente identificata con la svalutazione e l'invidia nasconde l'ammirazione che alberga nel suo cuore. Se solo potesse sciogliersi, piangere e godere dell'ammirazione per altri significativi, la sua personalità si arricchirebbe, purtroppo non riesce e si trova in una situazione di stallo affettivo.

Decide così di tendere una trappola all'anziano saggio. Ad una festa in suo onore che si svolgerà nel bosco decide di porre al saggio un quesito. Nasconderà dietro la schiena trattenendolo nelle sue mani un piccolo uccellino e chiederà all'anziano:

Cosa tengo dietro la schiena?

Il saggio, pensa il bambino, che sa tutto, sicuramente saprà che prigioniero delle mie mani è un uccellino e risponderà: "Un uccellino!".

A questo punto farò scattare la mia trappola (pensa il bambino rabbioso), gli chiederò: "ma vecchio saggio, l'uccellino è vivo o morto?"  Se mi dirà morto, lo mostrerò vivo, se risponderà vivo, lo stritolerò rapidamente nelle mie mani soffocandolo e lo mostrerò morto. In entrambi i casi tutti assisteranno al fallimento del vecchio e in futuro non sarà più stimato e amato come ora.

Giunge il giorno della festa e il bambino in un momento di condivisione dove tutti sono presenti si avvicinò all'anziano saggio ponendogli il suo quesito. L'anziano, come il bambino aveva previsto, indovinò che tra le sue mani era trattenuto un uccellino e a quel punto scattò la trappola mortale, chiese al vecchio con un'espressione diabolica: "Ma l'uccellino è vivo o è morto?"

L'anziano saggio posò i suoi dolci occhi sugli occhi di brace del bambino, fece un profondo respiro e rispose:

"Il destino del tuo uccellino è nelle tue mani"

Sta a te ucciderlo, oppure portarlo davanti a te, guardarlo con amore, maneggiarlo con delicatezza e lasciarlo libero per volare nel cielo.

Questa metafora rappresenta l'opportunità per ogni individuo di come trattare la sua parte profonda, sofferente, vulnerabile. La parte che più ha sofferto in una persona è la parte più saggia. Possiamo scegliere se lasciarci liberi di intraprendere e seguire il nostro cammino di crescita e di amore, oppure stringere le nostre tensioni in modo da soffocare e distruggere l'espansione personale, che come le ali di un angelo consente di volare nel cielo della vita, con il piacere nel cuore.

” Laddove la risposta di dolore produce un rafforzarsi dell’autocoscienza che separa dagli altri, la risposta del piacere esprime e comporta una diminuzione degli aspetti egoistici. Il piacere va al di là della ristretta prospettiva individuale e nega l’egoismo. Per provare davvero piacere dobbiamo “lasciar andare”, permettere che avvenga ciò che è, permettere al corpo di rispondere con libertà”. Alexander Lowen


Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi

     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Via Dante, Foro Buonaparte, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Via Buonarroti, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Porta Ludovica, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia. Psicologo a domicilio. A Milano psicologo a domicilio
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica