PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo a domicilio - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Benvenuti! Questo sito è dedicato a  chi sente sofferenza, difficoltà nelle relazioni più importanti e desidera iniziare un percorso psicologico. E' sempre possibile migliorare la qualità della propria vita.
Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
cervello e psicoterapia  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
nausea e cibo  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.
















 
 

home> psicologia > la saggezza

la saggezza

Quale è quell'animale che la mattina cammina con quattro zampe, pomeriggio con due e la sera con tre. L'enigma della Sfinge contiene elementi importanti per la comprensione della natura umana. La risposta di Edipo fu: "l'uomo". Al mattino dell'infanzia gattona poggiando su arti inferiori e arti superiori, nell'età adulta (il pomeriggio della vita) deambula nella stazione eretta, sollevando le "zampe"posteriori" e nel corso della vecchiaia si serve di un bastone per mantenere l'equilibrio, reso instabile dagli acciacchi tipici dell'ultima fase della vita.

L'animale uomo ha modi diversi di stare al mondo. Da bambino, nel primo anno di vita, il cucciolo d'uomo è sostanzialmente come gli altri animali, vive pienamente la vita del corpo, tentando di seguire i propri istinti in libertà. Un istinto importante, comune a tutti i mammiferi, è succhiare il seno per trarre nutrimento e amore. Se questo periodo della vita è turbato da uno svezzamento precoce, possiamo attenderci un disturbo dell'istinto di succhiare, che si manifesta nell'impossibilità di inspirare pienamente e profondamente aria attraverso la respirazione spontanea.

Nella seconda fase della vita dell'uomo (che ha inizio intorno al compimento del primo anno di vita), egli diventa più umano, acquisisce il linguaggio ed è capace di stare in piedi. Adesso il piccolo osserva il mondo da un'altra angolazione e sviluppa le sue capacità creative. L'educazione può rispettare i tempi della fanciullezza o tentare di accelerarli, sperando di poter forzare lo sviluppo della volontà, una componente dell'Io ancora tenera nel fanciullo. La dualità mente corpo è espressa di Io (coscienza) e corpo (inconscio).

Occorre sempre una terza definizione per capire dualità e contraddizioni. Infatti, la Sfinge introduce un terzo stadio, l'uomo che cammina con tre gambe, un prodotto dell'evoluzione che racchiude in se sia la parte razionale, sia la parte naturale dell'uomo. L'anziano non può più sostenersi su due gambe e si avvicina il momento del suo ricongiungimento alla terra attraverso il corpo. Come una goccia d'acqua che dovrà fondersi in un oceano, l'anziano trascende la sua individualità, tipica invece del secondo stadio della vita. L'individualità orienta la coscienza verso il proprio Io, in altre parole siamo egoisti. Poiché l'Io non potrà sopravvivere al corpo, persone che hanno un intenso senso dell'Io, vivono incessantemente con la paura della morte. Al contrario, le persone che presentano un senso dell'Io equilibrato conservano la natura del bambino che sono stati, quella animale e, come tutti gli animali, non vivono con la paura della morte. Esiste un rapporto di interdipendenza degli opposti: chi ha paura di morire ha anche paura di vivere e questo è un vero dramma dell'esistenza.

I tre stadi della vita umana sono collegati a tre diverse prospettive temporali. Il bambino vive nel presente, l'adulto tende a vivere nel futuro. Proiettare con eccessiva forza la coscienza nel futuro può produrre una momentanea sospensione della percezione della realtà, si perde il buon senso. Le diverse prospettive temporali tra un bambino e un adulto dipendono dai principi fondamentali del comportamento umano: il principio del piacere e il principio della realtà. Il principio della realtà afferma che il piacere può essere rimandato e un dolore tollerato in cambio di un successivo piacere maggiore o per evitare un dolore di più grande intensità in futuro. Ad esempio, non mangio una fetta di torta prima di cena perché perdendo l'appetito non potrei gustare i piaceri della cena e godere della gioia del convivio. Sopporto di tenermi la sensazione di fame e la tentazione di una immediata soddisfazione per un piacere maggiore futuro. Non esco con gli amici una sera perché il giorno successivo ho un importante esame e desidero ripassare per sentirmi interamente preparato. Il principio di realtà è condizionato dalla capacità di prevedere una situazione futura. Quando i due elementi (principio del piacere e principio della realtà) perdono il loro naturale equilibrio dinamico, orientando l'individuo ad una attenzione esagerata rivolta al futuro, il presente si spoglia di significato e di piacere. Ad esempio: iniziamo una attività professionale e pensiamo già alla pensione; al primo giorno di scuola di un bambino i genitori fanno prematuramente progetti per la scuola superiore; il tragitto da casa la lavoro diventa uno spazio vuoto percorso frettolosamente, etc. Poiché il futuro è figlio del presente, la perdita del presente rende il futuro una mera astrazione mentale, una illusione, come pensare di costruire il tetto di una casa senza avere ultimato le fondamenta.

Nella terza fase della vita si diventa anziani, il futuro scolorisce, il presente perde la sua luminosità, è tempo di guardare indietro ed il passato si rivitalizza con la nitidezza di un arcobaleno. L'arcobaleno unisce i colori, come la sintesi dialettica fonde gli stadi temporali della vita umana. Questa integrazione si realizza attraverso la trattazione qualitativa delle informazioni, denominata: comprensione e conoscenza.

La comprensione è il potere di dedicarsi alle impressioni dei sensi e di comporle in insiemi
(Samuel Taylor Coleridge, poeta, critico letterario e filosofo inglese dell'800)

La conoscenza è una qualità specificatamente umana, appartiene al secondo stadio della vita, riguarda l'assorbimento cosciente di informazioni e comporta l'uso delle capacità cognitive. La comprensione scaturisce dalle sensazioni del corpo, dalla sensibilità di un individuo. Conoscere è quindi una funzione dell'Io, abitualmente preferita dalla cultura occidentale. La conoscenza dovrebbe svilupparsi con l'approfondimento della comprensione, ma purtroppo questo non avviene abitualmente. Frequentemente, ciò che pensiamo di sapere confligge con la comprensione e noi ci fidiamo maggiormente della conoscenza, negando la comprensione. Facciamo un esempio: sappiamo che il denaro ed il potere sono importanti e facciamo enormi sacrifici per ottenerli. Sacrifichiamo il piacere, l'integrità e la serenità per acquistare beni materiali e creare un immagine di noi vicina al successo. Comprendiamo che il piacere, l'integrità e la serenità sono beni preziosi da cui dipende la nostra salute e quella delle persone a noi vicine, ma siccome non si tratta di un fatto dimostrabile immediatamente, come l'effetto della ricchezza sulla capacità di consumo, ignoriamo questa comprensione. La comprensione non offre alcuna ricompensa in termini di illusioni, non attenua l'insicurezza umana con elementi palliativi; la comprensione è concreta. Possiamo studiare un libro e credere che il suo contenuto sia sacro come il vangelo, rovesciando il ruolo della comprensione dell'argomento trattato dal testo. Invece di basare la conoscenza sulla comprensione, procediamo al contrario, tentando di trovare la comprensione dentro la conoscenza, come capovolgere un albero sperando che i rami possano fungere da radici. Non si tratta di negare il valore della conoscenza, è solo una questione di priorità. La risposta empatica esce spontaneamente da un individuo all'altro, da un problema all'altro, da un argomento all'altro e, una volta fuori, possiamo utilizzare la conoscenza per interpretare la comprensione. Facciamo un esempio interessante per tutti i bambini delle scuole primarie: se i bambini comprendono l'utilità della matematica, saranno stimolati a studiarla (sentiranno che gli serve la conoscenza per interpretare la comprensione). Al contrario, lo studio delle tabelline, delle operazioni, della risoluzione di problemi, etc., senza un collegamento con la vita reale, risulta veramente noioso da studiare (saranno forzati a tentare di trovare la comprensione dentro la conoscenza). La differenza è determinante per l'apprendimento. Il motore che spingerà verso la conoscenza nelle due modalità sarà: interesse e passione contro noia e fatica. Come tentare di costruire una casa partendo dal tetto.

Nel terzo stadio della vita, la persona matura trova la sintesi del conflitto tra conoscenza e comprensione, questa sintesi è la saggezza. La persona matura ha vissuto l'infanzia con il suo presente, ha mirato il futuro nella seconda fase, adesso può guardare indietro e vedere entrambe le esperienze. 
La saggezza aiuta a capire che la vita è un viaggio e che il significato non si trova nella destinazione ma nel viaggio stesso. La persona saggia ha riconciliato in sé la natura animale e la mente razionale. L'acquisizione della saggezza è un processo che aiuta a vedere ed accettare le contraddizioni della natura umana, soprattutto quelle dei nostri genitori, essi ci hanno amati quanto ne furono capaci. Non si può raggiungere la pace senza avere navigato tutte le acque nel mare delle nostre sofferenze: rabbia, furore per non aver sentito il calore dell'amore dei nostri genitori; la tristezza per la loro indifferenza ai nostri bisogni; la paura provocata dalla loro ostilità. Il dolore pervade il nostro corpo a causa di questi antichi traumi. Negare e reprimere le sensazioni collegate a questi sentimenti indebolisce il sé, allontanandoci dal percorso verso la pace e la saggezza. Saggezza significa vedere le cose per come sono veramente, nella loro essenza, oltre il velo coprente delle nostre contraddizioni.


Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Via Dante, Foro Buonaparte, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Via Buonarroti, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Porta Ludovica, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia. Psicologo a domicilio. A Milano psicologo a domicilio
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica