*home*     -     psicologo a domicilio - bioenergetica - nevrosi e tensioni - studio psicologia psicoterapia - psicoterapia - crisi di coppia 

Benvenuti! Questo sito è dedicato a  chi sente sofferenza, difficoltà nelle relazioni più importanti e desidera iniziare un percorso psicologico. E' sempre possibile migliorare la qualità della propria vita. Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3  -  tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935

Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
cervello e psicoterapia  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
nausea e cibo  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.
















 
 

home> psicologia > bioenergetica > la storia della bioenergetica

la storia della bioenergetica

La bioenergetica trova la sua genesi nell'opera di Sigmund Freud, il fondatore della psicoanalisi. All'epoca di Freud (periodo vittoriano), le persone soffrivano di un gran numero di malattie per le quali la scienza medica sembrava non possedere rimedi: paralisi, cecità, attacchi epilettici, perdita della memoria e perdita di sensibilità in varie parti del corpo. Freud scoprì che tali sintomi potevano dipendere dall'espressione corporea di esperienze infantili di dolore e di paura, che la mente aveva rimosso. Aiutando questi pazienti a ricordare e rivivere le loro drammatiche esperienze infantili, Freud riuscì a curare i loro sintomi corporei e denominò questo metodo psicoanalisi. Secondo Freud, una volta che il paziente si rendeva conto e prendeva coscienza delle esperienze traumatiche infantili, non aveva più bisogno di esprimere questi ricordi attraverso sintomi diffusi per il suo corpo. Per far emergere i ricordi dalla loro repressione Freud utilizzava i sogni dei pazienti, gli errori verbali (lapsus), le associazioni libere ed il transfert. Il transfert rappresenta una condizione nella quale una persona rivive alcune delle sue relazioni interpersonali attivando la sua componente infantile, il bambino che è in lui. Gli individui possono vedere i loro amici, i loro bambini, i loro superiori o colleghi e il loro terapeuta, non come questi sono realmente, bensì come se questi fossero il genitore che li ha, ad esempio, rifiutati, ignorati, lusingati, sedotti, criticati, umiliati e, in alcuni casi, violentati. Trasferiscono i ricordi repressi e tumultuosi della loro infanzia sulle persone che fanno parte della loro vita presente.

Mentre la psicoanalisi freudiana pone l’attenzione sulla produzione verbale dei pazienti, Wilhelm Reich, allievo di Freud, compone la dicotomia psiche-soma presente nel campo psicoanalitico e l'attenzione terapeutica viene orientata sul corpo, quale campo di energie vegetative psichicamente messe in movimento. Nello stesso modo in cui Freud notò una rottura tra memoria conscia ed inconscia, Reich notò una disarmonia fra le varie espressioni del corpo.
Uno dei principi della teoria reichiana è l'aver correlato l'inibizione della reattività emotiva con la limitazione della respirazione e l'aver evidenziato come le variazioni nell'assunzione di ossigeno influiscano sui processi metabolici dell'organismo, variandone il livello energetico e la naturale motilità.
L’energia dell’organismo dipende dal metabolismo ed il metabolismo dipende dalla respirazione. Come per una fiamma, la sua vivacità e vitalità dipende dall’ossigeno presente nell’ambiente, così per l’organismo umano l’energia dipende dalla profondità del respiro. Per ridurre il livello energetico è necessario ridurre la respirazione; limitare e bloccare il respiro è il meccanismo di difesa più primitivo.
Il processo respiratorio infatti avviene con movimenti inspiratori ed espiratori che, coinvolgendo il corpo nella sua totalità, ne esprimono a livello fisico il processo emozionale. L’alterazione del respiro avviene durante l’età dello sviluppo.
Di conseguenza, le tensioni muscolari croniche dei vari distretti corporei, limitando il flusso respiratorio, producono la frammentazione dell'organismo sia a livello fisico che psichico. Da qui la focalizzazione dell'intervento terapeutico sul corpo, inteso come campo di energie vegetative, espressione del mondo psico-emozionale dell'individuo. L'Analisi del Carattere elaborata da W. Reich è strumento essenziale di intervento terapeutico attraverso una tecnica che prende il nome di Vegetoterapia. Essa tende a ristabilire il flusso dell'energia bloccata nell'organismo dalle rigidità difensive caratteriali, iscritte nelle tensioni muscolari croniche durante il processo fisiologico della rimozione. L'approccio terapeutico è orientato a ristabilire la funzione genitale, intesa come espressione di un processo energetico più ampio che coinvolge tutto l'organismo secondo il principio della "eccitazione-carica-scarica-distensione". Attraverso la sua attuazione, si ristabilisce l'equilibrio della personalità.

Reich osservò che, con l'avviarsi della terapia, in questi pazienti, le tensioni muscolari cambiavano. Le spalle e le braccia della persona depressa si rilassavano, le mascelle diventavano meno rigide e i denti meno serrati. La ragione per cui il paziente fatica per tenere a freno gli impulsi e reprime i ricordi dolorosi, è per evitare di mostrarsi debole. Allentando le tensioni muscolari croniche, il paziente sperimenta la propria vulnerabilità. Serrando la bocca e i denti egli assume un'espressione corporea che comunica: "Non voglio lasciarmi andare per non essere ferito di nuovo". Reich sperimentò come rilassare i muscoli cronicamente tesi mediante la pressione fisica diretta su di loro e scoprì che questa metodica era efficace. Attraverso la metodica reichiana, il paziente poteva entrare in contatto con emozioni forti e a lungo dimenticate e con ricordi tristi e dolorosi. L'unità di mente, corpo ed emozioni si rivelò per la sua concretezza. Reich notò anche che il paziente appariva più vivo, la sua pelle più rosea, i movimenti più spontanei, gli occhi più luminosi. Come se avesse più energia.

Alexander Lowen, paziente ed allievo di Reich, denominò questa energia:
                                        "bioenergia".
Dopo il termine della terapia reichiana e dopo la tragica morte di Reich nel novembre del 1957, Lowen sentiva il bisogno di continuare la sua terapia personale, comprendendo che tensioni muscolari permanevano nel suo corpo impedendogli di provare la gioia che desiderava. Lowen sentiva il desiderio di un esperienza sessuale ancora più ricca e piena e decise di riprendere la terapia. Non poteva tornare da Reich e non aveva fiducia negli altri terapisti reichiani. Era convinto che dovesse essere una terapia basata sul corpo, per cui decise di lavorare con il suo socio John Pierrakos, di cui era maggiore sia per anni che per esperienza. Fu da questo lavoro comune sullo stesso corpo di Lowen che nacque la bioenergetica. (Alexander Lowen, Bioenergetica, Feltrinelli, Milano, 2004, cap. I° - pag. 34)
Lowen, allargò quindi la terapia sul corpo ed introdusse il lavoro bioenergetico. Anziché limitarsi alla sola pressione e manipolazione delle tensioni muscolari croniche, egli fece uso di alcune posizioni di stress che potevano consentire a queste tensioni di rilasciarsi, di sciogliersi. La dimostrazione di questo stemperamento delle tensioni era l'insorgere, nei muscoli, di una fine vibrazione.
Lowen osservò come i blocchi muscolari impedivano il libero scorrere dell'energia. Per esempio, un diaframma cronicamente contratto, come una strettoia, interrompe l'onda respiratoria, provocando una respirazione solo toracica, superficiale. Conseguentemente, diminuisce l'apporto di ossigeno ed il livello energetico si riduce visibilmente. Questo modo di respirare è uno dei sistemi che noi utilizziamo per controllare le nostre emozioni. Per aiutare i pazienti a respirare pienamente e naturalmente, Lowen inventò il cavalletto bioenergetico. Un individuo il cui flusso energetico è bloccato, ha perso una parte della sua vitalità e della sua personalità. Per questa perdita, una persona tende a sentirsi triste e depressa, spesso in lotta e usa la sua forza di volontà per svolgere tutte le cose abituali, le manifestazioni di tutti i giorni. In questa situazione, diventa difficile mettersi in relazione con gli altri o provare piacere. Viene meno la gioia di vivere e ci si orienta verso un’esistenza tetra, grigia e noiosa.

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Via Dante, Foro Buonaparte, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Via Buonarroti, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Porta Ludovica, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia. Psicologo a domicilio. A Milano psicologo a domicilio
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica