PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.














 
 

home> psicologia > la donna isterica

la donna isterica

Nella letteratura pisicanalitica è stata definita isterica la donna in costante conflitto fra i sentimenti dell'amore e della sessualità nella relazione romantica. Il conflitto è conseguenza di una scissione tra amore e sesso. La psicanalisi ha le sue origini nell'opera di Sigmund Freud e si riferisce all'epoca vittoriana. L'epoca vittoriana è una parentesi temporale della storia inglese compreso nel lungo regno della Regina Vittoria, cioè dal 1837 ai primi del 1900. Per le donne di quel periodo, solo parlare di sesso era tabù e la reazione isterica dipendeva dalla improvvisa liberazione di desideri sessuali soppressi.
Questa particolare sintomatologia isterica può presentarsi in forma lieve (dolori vaghi, debolezza, stordimento) o intensa (paralisi degli arti. cecità improvvisa).

Nel nostro ventunesimo secolo l'atmosfera sessuale è cambiata radicalmente e la reazione isterica è in ampia misura scomparsa; tuttavia, la struttura caratteriale della donna isterica non è cambiata. L'incapacità di integrare gli aspetti romantici dell'amore con le sensazioni sessuali del corpo definisce la personalità isterica. Al contrario di quanto avveniva oltre un secolo fa, l'isterica moderna si concede la fisicità dell'attività sessuale, ma la dissocia dall'amore romantico. Il conflitto interiore si presenta meno intenso e si limita, nella sua espressione, a pianti e strilli improvvisi.

Per la donna isterica, il periodo del fidanzamento è quello più appagante, perché riesce temporaneamente a conciliare i suoi desideri sessuali con i sentimenti romantici. Questa integrazione si affievolisce fino a scomparire durante il matrimonio, dove la realtà si sostituisce alle illusioni. Il suo ideale romantico di carattere fiabesco non riesce a sopravvivere all'intimità della situazione coniugale. La relazione sessuale matura distrugge nell'isterica le sue mura di protezione, edificate affinché l'amore romantico possa sopravvivere.

Il marito è identificato con il padre, verso il quale bisogna reprimere ogni desiderio sessuale. Questo trasferimento di sentimenti dal padre al marito avviene perché entrambi sono visti come personaggi autoritari che esigono il rispetto di un codice morale restrittivo. Il risultato è che l'amore per il marito assume un carattere coattivo e che il matrimonio perde progressivamente la sua carica di eccitazione sessuale. Dal momento che l'eccitazione romantica esiste solo al di fuori della famiglia patriarcale, l'isterica fa la civetta con gli altri uomini (Alexander Lowen - Amore e Orgasmo - Feltrinelli 1991 pag. 267).

Un grave problema della donna isterica riguarda il suo bisogno di eccitazione costante, esaltata dalle situazioni di amore romantico, quando, invece di rivolgersi ad altri uomini, diventa una seduttrice dei propri figli. Esige che i figli notino la sua bellezza e non siano indifferenti al suo fascino. Questa pretesa del suo ego le impedisce di vedere i figli come bambini bisognosi di cure, amore e sostegno.

Spesso l'allattamento è considerato dall'isterica come un rifiuto della sua immagine di donna romantica messa su un piedistallo per essere adorata.
Il suo "blocco" ad abbandonarsi completamente agli impulsi sessuali si irradia e pervade anche il gesto di amore più significativo per una donna, con il quale nutre il proprio cucciolo dalla nascita e durante il primo periodo di vita.

Il comportamento della donna isterica con l'altro sesso racchiude un sentimento di vendetta. Provoca l'uomo stimolandone la passione, ma gli sfugge ripetendo una recita da copione. Nella sua mente l'armonia che porta al piacere non è una comunione di sentimenti e sensazioni, ma una partita dove uno vince e uno perde. In questo conflitto il maschio non deve avere la sua vittoria, rappresentata dal comportamento intimo. Nel suo aspetto più negativo l'isterica è tesa ad irretire gli uomini per poi distruggerli, tentando di vendicarsi sull'amante per essere stata respinta dal padre.
A livello psichico agisce un fenomeno proiettivo dal padre all'amante e un orgoglio eccessivo che afferma: "Non mi concederò a te, così tu non potrai respingermi un'altra volta".
A livello fisico si nota una rigidità che si manifesta con tensioni muscolari nel collo, nelle spalle, nella schiena e negli arti inferiori. Il grado di tensione muscolare è direttamente proporzionale all'intensità della ripulsa, agita da suo padre nella fase edipica. Si tratta di un padre che ignora il bisogno di tenerezza e di affetto della bambina, idealizzandola e negando la sua sessualità.
La forma definitiva dei i rapporti tra una ragazza e suo padre ne determina il comportamento futuro con tutti gli uomini.

Per questo disturbo, la funzione della terapia è quella di aiutare la paziente a capire meglio se stessa e i suoi conflitti e di conseguenza a lavorare più efficacemente su questi conflitti e sui suoi problemi inerenti la realtà (Kernberg, O., 1987.).

Nella realtà la donna isterica, a seguito di una terapia, può prendere atto ed integrare che il suo comportamento aggressivo-distruttivo sta facendo pagare al partner, a se stessa e alle persone più care, quanto altri hanno fatto a lei in un periodo lontano e significativo della sua vita.

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi


 



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica