PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo a domicilio - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Benvenuti! Questo sito è dedicato a  chi sente sofferenza, difficoltà nelle relazioni più importanti e desidera iniziare un percorso psicologico. E' sempre possibile migliorare la qualità della propria vita.
Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
cervello e psicoterapia  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
nausea e cibo  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.
















 
 

home> psicologia > sesso, sessualità, intimità nella relazione d'amore

sesso, sessualità, intimità, amore sessuale nella relazione d'amore

Molti sudi dimostrano che in una relazione d'amore la sessualità, oltre che da fattori organici e psicologici, è influenzata da elementi che riguardano la qualità della relazione con il partner d'amore. La qualità della relazione è condizionata fortemente dall'intimità. Secondo Desdmond Morris, essere intimi significa essere vicini in senso letterale. L'intimità si ha ogni volta che due individui vengono fisicamente a contatto ed è la natura di questo contatto, sia esso una stretta di mano o un rapporto sessuale, una pacca sulle spalle o uno schiaffo, una operazione di manicure o un intervento chirurgico. Quando due persone si toccano fisicamente avviene qualcosa di speciale, che emerge                            (MARTE E VENERE)
chiaramente nell comportamento reale.
L’intimità è un legame d’affetto fatto di attenzioni reciproche, di fiducia, di comunicazione simmetrica, di apertura sui sentimenti e di condivisione delle sensazioni.
L’intimità sessuale è la capacità di abbandonarsi a stessi attraverso il sesso. Le persone che possono permettere al partner di conoscerli, rilassando le proprie tensioni e stemperando le proprie paure, possiedono un potenziale maggiore per vivere esperienze sessuali intense e significative.
Il piacere intenso e il significato che ognuno sperimenta durante il rapporto sessuale ci comunica se il suo corpo si muove liberamente, se il suo respiro è profondo e pieno, e se l'energia (vitalità) fluisce nel corpo con l'armonia della natura, indispensabile per riempire il proprio contenitore affettivo ed esprimere l'onda di emozioni che origina dal bacino e raggiunge il cuore.
La stimolazione sessuale è composta da più fattori e non dal semplice eccitamento. A livello sensoriale il tatto, la vista, l’olfatto, il gusto, e l’udito sono il mezzo per sentire la stimolazione che accende l'energia sessuale e prepara il corpo al contatto intimo. La modalità individuale che permette di sentire questa onda di emozioni ha un'importanza superiore alla stimolazione sensoriale fine a se stessa, ognuno si eccita attraverso quello che a lui piace. Il piacere della coppia composta da due esseri umani che si uniscono amorevolmente non è plasmato da unità pensanti, ma da condivisione e partecipazione. La consapevolezza che l'altro ha il piacere di conoscerci profondamente ci consente, con gradualità, di comunicare le nostre fantasie e come siamo fatti. L'accoglienza reciproca e l'accordo d'amore (io ho il desiderio e il piacere di conoscere te, tu hai il desiderio e il piacere di conoscere me), rappresenta la stimolazione più bella, libera e totalizzante per vivere l'amore nella forma sessuale con la gioia dell'incontro.
Per questi motivi, nel piacere soggettivo i sentimenti hanno un’influenza maggiore sulla funzione genitale e sull’orgasmo di quanto non abbiano le sensazioni, private di questo prezioso valore aggiunto, o se preferite il piacere soggettivo non dovrebbe mai essere privato degli aspetti di comunione della coppia.

La condizione di piacere e di benessere di cui si ha bisogno per raggiungere l'eccitazione sessuale  è data dalla stimolazione che si condivide col partner, più che dalle proprie sensazioni isolate e le proprie fantasie vissute privatamente, cioè senza comunicarle all'altro (su ciò che si sta facendo, come lo si sta facendo, con chi lo si sta facendo e cosa implica per sé). Purtroppo, talvolta accade che la paura del rifiuto o di essere giudicati negativamente dall'altro per quello che siamo, che proviamo e che desideriamo veramente, inquina il mondo d'amore sessuale. Emergono cos' le incomprensioni, le insoddisfazioni e le tanto odiate colpevolizzazioni verso il partner. In alcuni casi è presente l'angoscia da stasi, stato dovuto all'ingorgo di energia nell'organismo. Si verifica quando la capacità di scarica orgastica è ridotta o assente, condizione frequente nelle persone rigide: la paura di lasciarsi andare completamente impedisce questo flusso naturale, annunciato da movimenti involontari e sincronizzati del corpo. I movimenti spontanei e involontari che anticipano la scarica orgastica, possono spaventare la persona la cui posizione è di costante controllo. La paura blocca, congela, rende impossibile alla persona rigida lasciarsi andare interamente ai sentimenti e alle emozioni.

La vita sessuale in una coppia rappresenta un termometro della qualità della relazione.

Nel caso di problemi sessuali di uno o di entrambi i partner o di una sessualità incompleta, talvolta frustrante, una volta escluso un disturbo di tipo organico, l'elemento condizionante è rappresentato dalla propria modalità di amare e da come i sentimenti interessano il rapporto di coppia.
I sentimenti di ognuno, influenzano inevitabilmente i sentimenti dell’altro, e di conseguenza il piacere dell'incontro intimo, l'entusiasmo del contatto fisico, la vitalità che sgorga dalla contentezza e la soddisfazione sessuale che ci ricorda puntualmente quanto è bello vivere.

La sessualità offre un punto di osservazione privilegiato per conoscere a fondo sé stessi, la propria relazione, i problemi da affrontare e gli aspetti dinamici che possono evolversi.

Molti uomini sono impauriti e ostili verso le donne, ma ne sono inconsapevoli. Vedono le donne come chi esige obbedienza a danno della loro libertà. Le cause sono presenti nella storia dell'infanzia di un individuo. Questi sono i sentimenti di un bambino che ha vissuto la madre come dominatrice, ma avendo rimosso il ricordo, la collera inconscia è proiettata sulla moglie.
Si tratta di meccanismi inconsci, non presenti nella coscienza, ci sono ma non sappiamo della loro esistenza, per questo è difficile che i conflitti tra coniugi siano superati (Lowen, 1988). Nel bambino genialità e sessualità sono uniti, quando entra nella fase edipica (3 - 6 anni) sente struggimento e un profondo desiderio sessuale (evidentemente infantile, per sessuale si intende il naturale bisogno di contatto fisico) per il genitore dell’altro sesso a cui si apre. Il rifiuto, agito in modo umiliante per il bambino, oppure il suo contrario: una risposta  sessuale da parte dell'adulto, vengono vissuti come una vera aggressione. Per difendersi il bambino si ritira e si chiude perché rimane confuso, gli occhi rifiutanti (o seducenti)del genitore pervadono la mente del fanciullo, che si trova costretto ad utilizzare la rimozione come meccanismo di difesa dell'Io. Quello che non è accettato dai genitori viene vissuto come sbagliato dal bambino, che matura un profondo senso di colpa e di vergogna. La ferita è molto dolorosa: i genitali si ritirano, la postura dell'anca si ritrae in antiversione, come se il bambino dicesse “non avrai più il mio amore”, il cuore viene contratto per paura di incontrare ancora quella situazione rifiutante e tanto dolorosa.
Da adulto, se riceve una critica non la tollera, si sente rifiutato in tutto, soprattutto nel sesso e nei rapporti di amore, quindi si chiude per proteggere la sua antica ferita. Si esercita costantemente per chiudersi sempre più efficacemente, s’identifica sempre con il genitore rifiutante, teme di aprire il suo cuore e di innamorarsi. "Cadere" innamorato, cedere alle sensazioni tenere dell'amore, significa per lui ricontattare la situazione edipica dove era assolutamente dipendente dal genitore.
La paura è quella di essere nuovamente ferito, umiliato, che evolverà nell’impossibilità di arrendersi e, di conseguenza, nell'impossibilità di arrendersi al proprio corpo. L'intensità di questa paura inconscia blocca il rigido e gli preclude l'occasione unica di lasciare che la natura durante l'amore sessuale si impadronisca della situazione, "mollando" il controllo temporaneo dell'Io cosciente per sperimentare finalmente l'orgasmo. La conseguenza è una potenza sessuale accompagnata da un'impotenza orgasmica. Senza questa possibilità l'atto sessuale sfocerà in una scarica, ma non sarà mai pienamente appagante. La resa è un atto assoluto di amore e accettazione verso di sé; nessuno può farlo al nostro posto. Gli individui con questa struttura hanno un atteggiamento volitivo verso il mondo, sono ambiziosi, competitivi e aggressivi. La passività è vissuta come vulnerabilità.
Sessualmente non può abbandonarsi all’amore, l’atto sessuale è solo prestazione, ciò che è importante è la potenza e la frequenza, se si coinvolge sentimentalmente entra in angoscia.  Il comportamento talvolta seduttivo é finalizzato alla conquista, rappresenta la difesa al senso d’inferiorità nascosto.
Nella donna si manifesta utilizzando tutte le energie per piacere, c’è un’eccessiva ricerca della perfezione corporea per essere attraente e non accetta il rifiuto dall’uomo, lo ha ricevuto a suo tempo dalla figura paterna e non potrebbe sopportare di rivivere quella drammatica e dolorosa esperienza. Spesso cambia partner, tradisce, oppure seduce per poi rifiutare il maschio, rivelando così la sua profonda ostilità per l’uomo.
In queste situazioni la potenza orgasmica è limitata ai genitali, perché l’energia non riesce a espandersi nel corpo. Possono presentarsi disturbi sessuali come eiaculazione precoce, impotenza, frigidità, in questi casi la persona può sentire il desiderio di entrare in terapia.

 



Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Via Dante, Foro Buonaparte, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Via Buonarroti, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Porta Ludovica, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia. Psicologo a domicilio. A Milano psicologo a domicilio
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica