*home*     -     psicologo psicoterapeuta - bioenergetica - nevrosi e tensioni - studio psicologia psicoterapia - psicoterapia - crisi di coppia 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3  -  tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935

Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.














 
 

home> psicologia > bioenergetica > grazia e bellezza e psicoterapia

grazia, bellezza e psicoterapia

Il trattamento terapeutico aiuta il paziente a percorrere un viaggio a ritroso nel tempo, quando il vero sé appariva meno turbato dagli “attacchi” dell’ambiente e più radicato nel corpo sotto forma di grazia e bellezza, uno stato di benessere che rappresenta la salute degli esseri viventi. La verità di un individuo sgorga dalla capacità di sentire il proprio corpo e viverlo senza tradirlo. La conoscenza di sé espande i sensi, non li contraddice.
Quando i sensi ci dicono che una persona è malata, ci aspettiamo che accertamenti medici offrano informazioni sul tipo di malattia. Una persona non può essere descritta sana quando la sua apparenza lo smentisce. Purtroppo spesso accade. La nostra cultura tende ad ottundere naturale la capacità di vedere  l’occhio vacuo, lo sguardo desolato, i corpo costretti di pazienti schizoidi o le mascelle tese e i petti gonfi dei nevrotici. Probabilmente questi particolari sono osservati, ma la tendenza è di non fidarsi delle proprie impressioni. Ci basiamo unicamente su test clinici (importantissimi a scopo diagnostico, ma non a scopo preventivo quando non è presente ancora alcuna sintomatologia) per verificare la situazione: la priorità della verità oggettiva distorce la realtà. La comprensione della realtà è la verità soggettiva, si tratta delle soggettive sensazioni e impressioni sensoriali. Avvertiamo che la verità è bella quando ci si presenta, al contrario, la falsità e la disonestà sono brutte.

Esiste un rapporto tra bellezza e verità. Gli psichiatri possono testimoniare che tra i “pazzi” si trovano donne bellissime e uomini prestanti, tuttavia nessun paziente schizoide trova bello il proprio corpo. Infatti, c’è una diretta relazione tra bellezza e salute. I bambini sani ci colpiscono per quanto sono belli; ammiriamo i loro occhi brillanti, la carnagione luminosa e i corpi ben fatti. Apprezziamo un animale per la sua vitalità, grazie ed esuberanza. Per contro, malattia e infermità hanno un effetto repellente: è difficile vedervi bellezza. Se la bellezza viene tenuta separata dalla salute, è dissociata dai più significativi aspetti dell’esistenza.
I greci, la cui cultura è una pietra miliare, non facevano distinzione tra bellezza e salute: la bellezza fisica era ammirata come un’espressione stessa della salute. Le loro sculture mostrano il rispetto che avevano per la bellezza del corpo umano. E’ singolare che in quasi venticinque anni di esperienza ho potuto osservare come i praticanti di fitness in modo salutare, cioè nel rispetto del proprio corpo e della propria finestra di tolleranza, cambiano i loro corpi, avvicinandoli alle sculture greche. Un dato interessante riguarda lo stato di salute, questi atleti sono molto più sani di quanto lo erano stati prima di cambiare il loro corpo. Attraverso una serie di adattamenti incrociati la bellezza del corpo compenetra lo stato di salute. Gli adattamenti incrociati indicano il fenomeno per il quale, ad uno stimolo in grado di produrre un adattamento principale (adattamento epigenetico da attività motoria mirata), seguono altri processi, sempre di natura adattativa a carico di strutture e funzioni non direttamente coinvolte (ad esempio il sistema immunitario). Il miglior tono generale e uno stabile stato di salute psicofisica, collegati all'attività fisica, sono la conseguenza degli adattamenti incrociati, come avviene con l'attività bioenergetica. Occorre ricordare e sottolineare che se l'attività di fitness non dovesse rispettare l'individuo nella sua interezza, che nello specifico significa soprattutto:

  • Considerare le personalissime caratteristiche strutturali e articolari,
  • Considerare lo stile di movimento e la grazia nei gesti spontanei,
  • Ricercare un ritmo, uno stile di movimento ed un controllo psicomotorio nell'esecuzione degli esercizi,
  • Scegliere accorgimenti fisiologici congruenti, salutari e personalizzati,
  • Condividere le scelte con l'allievo in modo da costruire una relazione leale, sincera e autentica,
  • Saper valutare e considerare la sua mutevole finestra di tolleranza,
  • Calibrare lo stress da attività motoria in modo da renderlo adatto a produrre stimolazioni salutari e non nocive (eustress - distress),

La stessa potrebbe dimostrarsi pericolosa e nociva a lungo medio/lungo termine.

Se la bellezza e la salute fisica sono collegate, che connessione c’è tra bellezze e salute mentale? E’ come chiedere che rapporto c’è tra salute mentale e fisica. La dicotomia che c’è tra mentale e fisico deriva da una visione meccanicistica della salute e della malattia. In assenza di lesioni dimostrabili, siamo riluttanti a considerare un disturbo come malattia. Nel nostro sforzo di evitare la soggettività ignoriamo i nostri sensi. Quando guardiamo un bambino sano non vediamo il suo stato di salute: quello è un giudizio. Quel che vediamo è un’immagine che ci colpisce perché è bella e che interpretiamo come manifestazione di salute. Allo stesso modo, un bell’animale ci appare sano. Pensiamo alla bellezza come qualcosa di piacevole per gli occhi: un bel quadro, una bella donna, un bel paesaggio. La bellezza denota un’armonia degli elementi, l’assenza di manifeste sproporzioni, la presenza di un’eccitazione interna che irradia la visione totale. Il piacere del bello deriva dalla sua capacità di eccitare i nostri ritmi corporei e stimolare il flusso di sensazioni. Nell’organismo animale l’eccitazione e il flusso di sensazioni associate con il piacere si manifestano fisicamente come grazia. La grazia è la bellezza del movimento e completa quella della forma in un organismo sano. Nel momento in cui si pensa al movimento, il flusso spontaneo di sensazioni nel corpo s’interrompe, producendo una mancanza di grazia. La persona dotata di grazia è anche aggraziata. E’ aperta, calda e generosa. Dà senza sforzo, perché ogni movimento del suo corpo è un piacere per sé e per gli altri. E’ calda perché non ha tensioni che limitino il suo respiro e restringano il flusso dell’energia. E’ aperta perché non ha sviluppato alcuna difesa nevrotica o schizoide contro la vita.

In un essere umano la mancanza di grazia è dovuta a tensioni muscolari croniche che interferiscono con i movimenti ritmici del corpo.

Ogni modello di tensione rappresenta un conflitto che si è risolto con l’inibizione di certi impulsi. Se la mancanza di grazia è causata da conflitti emotivi repressi, la presenza di grazia è segno di salute emotiva. E se la bellezza del movimento è un segno di salute emotiva, allora la bellezza della forma dovrebbe avere lo stesso significato. Poiché la bellezza è piacevole, la sua connessione con la salute mentale è chiara. L’individuo capace di prendere e dare piacere, ovvero di sperimentare pienamente il piacere, è emotivamente sano. Una persona così è un bell’individuo, perché le sue fattezze e la sua espressione irradiano le sue buone sensazioni. Gli occhi non sono vuoti, le labbra non sono tirate, la mascella non è rigida, il corpo non è congelato e il sorriso non è fisso. Al contrario, gli occhi sono luminosi, le labbra piene e ben disegnate, la mascella rilassata, il corpo flessuoso e sodo, il sorriso caldo e spontaneo. Le sue fattezze mostrano un grado di armonia che riflette l’integrazione della sua personalità. Una persona così non è solo emotivamente sana, lo è anche fisicamente, nel vero senso del termine. (Alexander Lowen, La voce del corpo, Astrolabio, Roma, 2009). La psicoterapia si pone l’importante obiettivo di aiutare i pazienti ad avvicinarsi al loro naturale stato di grazie e bellezza che a suo tempo ha rappresentato la vera essenza della salute psicofisica.

 

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi

 



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica