PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.














 
 

home> psicologia > identità di genere maschile

Identità di genere maschile, conflitti e tappe evolutive del bambino maschio

Per entrambi i sessi la figura materna è il primo modello cui riferirsi. Il bambino maschio per poter formare un primo nucleo di identità di genere dovrà disidentificarsi dalla madre. A differenza della bambina femmina, lui non dovrà cambiare l'oggetto d'amore nella fase edipica, tuttavia sarà un suo preciso compito di sviluppo modificare l'oggetto di identificazione. Da questo percorso differenziato tra bambini maschi e bambine femmine consegue che le bambine sviluppano un'identità di genere più stabile e continua, ma hanno maggiori difficoltà a raggiungere indipendenza e separatezza, mentre i bambini acquisiscono maggiore autonomia e separatezza, ma un'identità di genere meno sicura e stabile (Nancy Chodorow 1995, citata in Manuale di psicologia dell'adolescenza: compiti e conflitti, Franco Angeli, Miano, 2015, Elena Riva, pag 129). Queste differenze sono accentuate dai modelli educativi e dalla cultura familiare che spinge le bambine a sviluppare maggiori competenze nelle relazioni e i bambini ad impegnarsi nelle attività motorie e prestazionali. Il bambino maschio si rivolgerà al padre per attuare il progressivo distacco dalla madre nelle fasi del processo di separazione e per orientarsi verso il genere maschile. La sola presenza del padre non è sufficiente a far fluire l'identità maschile al bambino, è fondamentale l'attribuzione di valore della mascolinità da parte di entrambi i genitori. Padre e madre dovranno essere uniti nel trasmettere il proprio orgoglio e soddisfazione sia nel riconoscere la mascolinità paterna, sia la mascolinità in formazione del bambino. Per un bambino è veramente difficile riconoscere la propria mascolinità se quella del padre non è riconosciuta con orgoglio e piacere dalla madre Si tratta di un passaggio veramente determinante, il clima familiare, espresso soprattutto dalla armonia e dal piacere dei due genitori nel riconoscimento della sessualità, condizionerà il destino del bambino nel processo di introiezione dei modelli così rappresentati. Se la figura paterna di riferimento è assente nella vita affettiva del fanciullo, oppure svalutata e "demonizzata" dalla madre (es. non diventerai mica come tuo padre!), gli elementi di separazione dalla madre e la funzione normativa maschile, importanti per formare l'identità di genere, non potranno essere interiorizzati in modo funzionale. Una madre critica e dominante che rifiuta la mascolinità maschile e in particolare del marito/compagno, evocherà nel bambino la paura di essere sottomesso e privato della stima materna. In questa situazione sarà molto difficile per il piccolo disidentificarsi dalla madre e identificarsi con il maschile. L'interiorizzazione di un'immagine maschile svalutata interviene anche nel periodo adolescenziale, impedendo una naturale identificazione con la funzione paterna e l'assunzione dell'identità maschile. La fase dell'adolescenza tuttavia offre al ragazzo una seconda opportunità, anche se non propriamente adatta alle sue esigenze come vedremo, fruibile in relazione alla profondità della ferita riportata nella fanciullezza. Di fronte all'assenza di un modello maschile paterno in grado di sostenere l'identità virile in formazione e definizione, l'adolescente maschio può orientarsi verso il mondo dei coetanei per interiorizzare i valori dell'identità di genere. Nella relazione fra i pari saranno enfatizzati gli elementi stereotipati e caricaturali, tipici dell'età. Il gruppo maschile adolescenziale tende ad esprimere i valori maschili del "macho" e del "bullo", che insiste sulla comprensibile negazione del bisogno, della passività e della dipendenza infantili, temuti perché riportano al legame primario con la madre. Non avendo potuto contare e ricevere sostegno e incoraggiamento dai genitori, per l'adolescente è fondamentale esprimere la posizione di colui che sa farsi rispettare e può cavarsela da solo. Il gruppo dei ragazzi che sostituisce il padre nel legittimare l'identità di genere non è in grado di favorire l'integrazione dell'aggressività, questo "fallimento" può sfociare in atti aggressivi, proprio perché i valori paterni e quelli aggressivi non hanno potuto avere una naturale integrazione e si trovano scissi, lasciando l'adolescente "povero" degli aspetti di modulazione affettiva. Gli adolescenti aggressivi hanno trovato come unica opportunità di crescita un gruppo di coetanei in grado di offrire appartenenza, solidarietà e complicità, ma non in grado di prendersi cura in modo empatico dei reali bisogni del ragazzo per sostenerne la crescita. Queste ultime funzioni sarebbero per definizione parentali e non delegabili a terzi. Si evidenzia quanto sia importante il ruolo della madre nella formazione dell'identità di genere del figlio maschio. Una madre che non è in pace con il "maschile" avrà molte difficoltà nel favorire l'attribuzione di valore della mascolinità emergente nel bambino.

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica