PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo a domicilio - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Benvenuti! Questo sito è dedicato a  chi sente sofferenza, difficoltà nelle relazioni più importanti e desidera iniziare un percorso psicologico. E' sempre possibile migliorare la qualità della propria vita.
Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
cervello e psicoterapia  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
nausea e cibo  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.
















 
 

home> psicologia > anoressia, rifiuto radicale di mangiare

Anoressia, il rifiuto radicale di mangiare.
Patologia del comportamento alimentare.

Il rifiuto radicale di mangiare è la caratteristica principale dell'anoressia e provoca una grave riduzione del peso corporeo rispetto al peso ponderale registrato prima dell'insorgenza del disturbo. La quantità di cibo commestito è diminuita così rapidamente e drasticamente che la stessa vita del paziente è a rischio, il tasso di mortalità é circa del 10%. La popolazione di sesso femminile è la più colpita, in aggiunta alla perdita di peso si registrano altri sintomi: amenorrea, vomito, costipazione, uso e abuso di lassativi e diuretici. Le energie appaiono stranamente conservate nonostante il quadro clinico per effetto di una conseguente inibizione vagale, associata a ipotensione, bradicardia e ridotta gittata cardiaca. Nelle situazioni più gravi si riscontrano: ipoproteinemia, alterazioni elettrolitiche e formazione di edema.
Dal punto di vista psichico si osserva uno squilibrio tra la condizione cachettica (La cachessia, dal greco cattiva condizione, è una grave forma di deperimento organico, caratterizzata da progressivo deterioramento di tutte le funzioni metaboliche, associata ad un bilancio azotato negativo, che significa riduzione del tessuto muscolare) del corpo e l'iperattività psicomotoria delle anoressiche, che frequentemente si sottopongono a stressanti allenamenti sportivi, anche se le condizioni generali sono veramente compromesse. La ricerca costante dell'efficienza fisica e il forte controllo degli impulsi consente un controllo e una padronanza singolare del corpo, usato, abusato e non vissuto e amato. Ogni attività utile a perdere peso e/o consumare energia rappresenta l'obiettivo ossessivo delle pazienti anoressiche. Si associa un fenomeno di alterazione percettiva, Slade e Russel osservano nelle pazienti anoressiche una distorta immagine del proprio corpo, soprattutto nel valutare in eccesso la larghezza. Pur essendo magrissime, si percepiscono grasse. Dal punto di vista relazionale è alterata la capacità di stabilire contatti umani, che fa sembrare le pazienti fredde, distaccate e dai modi frettolosi. Completa il quadro clinico il profondo rifiuto di accettare la patologia in atto, ostinatamente definiscono normale la loro condizione e ad ogni ulteriore calo di peso reagiscono con soddisfazione e fierezza.

Le pazienti anoressiche appartengono abitualmente a famiglie del ceto medio, sono figlie uniche, oppure in presenza di fratelli affermano di essere considerate inferiori a loro (Jores 1976). Nell'infanzia sono state bambine belle, brave e buone, hanno dimostrato un buon adattamento sociale (anche eccessivo), coscienziose, obbedienti fino alla sottomissione, sono molto intelligenti e ottime studentesse. I loro interessi si orientano verso argomenti intellettuali, i loro ideali sono ascetici. Pare che gli impatti traumatici più importanti dal punto di vista psicodinamico riguardino l'inizio e il termine dello sviluppo psicosessuale, precisamente la fase schizoide e la fase rigida. Infatti, il disturbo alimentare non di rado è scatenato in concomitanza con la prima esperienza sessuale, che la paziente non riesce ad elaborare e le appare minacciosa. Si aggiunge allo schema psicodinamico un legame simbiotico con la madre, associato al desiderio/bisogno forte e ambivalente di prendere le distanze da lei (Ziolko 1985). Il conflitto interiore si manifesta attraverso due canali. Da una parte esse rivolgono l'energia autodistruttiva verso se stesse come punizione per il desiderio di separarsi dalla madre, dall'altra, utilizzano il rifiuto del cibo come elemento utile a ricevere attenzione, premure e affetto. Se l'ambiente frustra e non soddisfa il suo bisogno di premure e affetto, la sua energia si canalizza con l'obiettivo di dare preoccupazione e senso di impotenza, in primis alla madre e poi agli altri membri della famiglia. La mancanza di attenzione, premure e affetto genera nell'anoressica un "demone" energizzato dalla sete di controllo su tutti gli altri membri della famiglia: "se non mi amate, vi punisco controllandovi". Quando ospedalizzate, queste pazienti tentano di trasferire il modello relazionale sul personale della clinica. L'anoressia cronica crea un orrore rappresentato da uno scheletro che cammina. La loro affermazione è: "voglio rendermi invisibile, voglio sparire", si tratta di una illusione, del loro modo di porsi al centro delle situazioni familiari. Questa invocazione disperata è il risultato di una profonda sofferenza per l'impossibilità di ottenere affetto ma solo controllo, in particolar modo dalla madre. Spesso la madre non riesce a dare realmente affetto e attenzione e non è nemmeno preparata a concedere alla figlia la libertà che le occorre. Per la ragazza scomparire rimane l'unica via di fuga dal questa tenaglia di ambivalenza che la opprime. Paradossalmente è proprio questo desiderio di autosufficienza che nella sua estrema conclusione logica porta all'autodistruzione. Clauser (1976) ha definito l'anoressia mentale una forma cronica di suicidio.

La terapia non si limita al solo profilo psicodinamico della paziente, negli ultimi anni c'è stata la tendenza a dedicare attenzione alle interazioni delle relazioni nella famiglia della paziente. L'atteggiamento di vita generale che prevale in queste famiglie è abitualmente orientato al perfezionismo, all'ambizione e al successo. I conflitti emotivi e la loro gestione sono fermamente negati perché nessun membro della famiglia sente di poter elaborare soluzioni adeguate.
(Minuchin 1977 - 1983) ha indicato le principali caratteristiche comportamentali di queste famiglie: coinvolgimento complesso, eccesso di vigilanza, tendenza ad evitare conflitti, caparbietà, coinvolgimento dei figli nelle liti dei genitori. I sintomi dell'anoressia mentale per Minuchin rappresentano una lotta di potere nella famiglia contro i genitori nel contesto di una relazione molto intricata, lotta in cui il corpo della paziente rappresenta "l'ultima trincea" per mantenere una certa autonomia verso le pressanti richieste dei genitori.

Per meglio chiarire i sintomi nell'ambito del contesto familiare, Selvini-Palazzoli commenta:

In un sistema in cui ogni tentativo di comunicare è destinato probabilmente a incontrare un rifiuto, il rifiuto di mangiare appare totalmente armonizzato allo stile di interazione della famiglia. Esso si conforma soprattutto alla forma mentale di tipo espiatorio nel gruppo, per il quale la sofferenza sembra essere la mossa vincente.

La famiglia é in generale dominata da una figura autoritaria femminile, che può essere la madre o la nonna. Il padre é escluso dalla sfera emotiva della famiglia ed é estromesso o sminuito dalla madre, apertamente o con altri sistemi. Il padre generalmente reagisce ritirandosi ancora di più dalla scena, con il risultato che la madre pensa di dover consolidare e ampliare la propria posizione di dominio. Wirsching e Stierlin (1982) indicano che i tratti caratteristici delle famiglie con una figlia anoressica sono rappresentati da aspettative eccessive da parte dei genitori, un ideale familiare di altruismo che suscita una corrispondente competitività tra  i membri della famiglia (B. Luban - Plozza W. Poldinger F. Kroger, Il malato psicosomatico e la sua cura, Astrolabio, Roma, 1992, parte II° - pag. 75).

Nella psicoterapia bioenergetica è importante, per gradi, con profondo rispetto riguardo i tempi della paziente, costruire il grounding, offrire la possibilità di abbandonare la testa nelle mani del terapeuta per sperimentere quella sensazione di abbandono, sostegno e sicurezza che le è tanto mancata e della quale ha un bisogno vitale. Occorre con pazienza e comprensione, saper attendere che la fiducia e il legame paziente/terapeuta si strutturi con i tempi della paziente, successivamente insegnare con modalità bioenergetiche e in modo simbolico a esprimere il no, come autoaffermazione e come confine. Il tratto simbiotico è molto potente, usa l'altro come scudo e non vuole separarsi. Non ha formato il suo sé se non in simbiosi con qualcun altro.  Il confine e il no espressivo rappresentano l'alternativa a dover scomparire per paura della simbiosi patologica, nella sua vita l'anoressica ha sempre detto si a tutto, anche abusando di se, l'unico no è stato espresso con forza al cibo. La paziente ha bisogno di potersi riappropriare della gamma delle opportunità, lasciando fluire l'energia e allentando le tensioni croniche.

 

 

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Via Dante, Foro Buonaparte, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Via Buonarroti, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Porta Ludovica, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia. Psicologo a domicilio. A Milano psicologo a domicilio
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica