*home*     -     psicologo a domicilio - bioenergetica - nevrosi e tensioni - studio psicologia psicoterapia - psicoterapia - crisi di coppia 

Benvenuti! Questo sito è dedicato a  chi sente sofferenza, difficoltà nelle relazioni più importanti e desidera iniziare un percorso psicologico. E' sempre possibile migliorare la qualità della propria vita. Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3  -  tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935

Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

psicologia psicoterapia
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
attacco di panico  
disturbi dissociativi  
coronavirus  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
perversioni sessuali  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
cervello e psicoterapia  
psicoterapia inferno paradiso  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
nausea e cibo  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
la diagnosi  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.
















 
 

home> psicologia > bioenergetica > La diagnosi e i suoi vantaggi

La diagnosi e i suoi vantaggi

    Il processo diagnostico, (diagnosi, dal greco dia gnwsis = conoscenza attraverso), si sviluppa nelle sedute iniziali e accompagna in seguito l’intero periodo di psicoterapia, mentre l’ipotesi diagnostica è riferita ai soli primi incontri, indispensabili per comprendere la possibilità di presa in carico di un determinato paziente. Formulare una diagnosi non significa applicare sommariamente un’etichetta: intende piuttosto comprendere il paziente nelle dinamiche psichiche della sua condizione, nel sintomo e in ogni prodotto dell’inconscio che emerge nella relazione con l’osservatore. L’indagine diagnostica a orientamento psicoanalitico muove dal superficiale (il sintomo) per accedere al profondo (le cause): in tal modo la singolarità del sintomo si connette all’insieme degli elementi che compongono il quadro dell’intera personalità del paziente. Un processo che conduce dall’elemento isolato all’insieme o struttura, dal semplice al complesso, dal presente al passato e viceversa. L’analisi bioenergetica pone l’attenzione al corpo nella sua interezza, alla gestualità, alla vitalità e al fluire dell’energia, integrando questi preziosi aspetti con le produzioni verbali. Anche gli elementi relazionali osservati saranno sia corporei, sia esplicitati verbalmente. I test psicologici, sebbene siano considerati, non rappresentano per il nostro orientamento il canale elettivo per tentare di comprendere i processi psichici e le posizioni caratteriali di un individuo.

Il progetto diagnostico, quando è arricchito della sensibilità e della preparazione del clinico, offre diversi vantaggi:

  • E’ fondamentale nella pianificazione del trattamento,
  • Aiuta a comprendere il probabile decorso della patologia (prognosi),
  • Favorisce la costruzione del sentimento di empatia da parte del terapeuta,
  • Riduce la possibilità che pazienti ansiosi e spaventati possano abbandonare il trattamento.
Modalità di esplorazione diagnostica

Tra i vari modelli di colloquio clinico troviamo quello nosologico descrittivo e quello interpretativo esplicativo.

La modalità nosologica descrittiva, tipica della psichiatria, può essere di tipo sindromico, globale o psicodinamico.

Sindromico:
Valutazione dei sintomi e della loro combinazione in sindromi (quadro sintomatologico) per effettuare un “inquadramento” clinico. Per fare questo vengono prese in considerazione tutte le funzioni psichiche alla ricerca di quelle alterate;

Globale:
Si valutano solo i sintomi “bersaglio”, cioè quelli su cui una determinata terapia agisce.

Psicodinamico:
Di maggiore vicinanza al modello interpretiativo esplicativo, più che i sintomi si cercano i conflitti, le motivazioni inconsce, le difese, quindi è indipendente oltre che dai sintomi anche dai “quadri” clinici (Rossi, Scarsi, 1983). L’approccio psicodinamico é un approccio alla diagnosi ed alla terapia caratterizzato da un modo il pensare, che comprende il conflitto inconscio, le carenze e le distorsioni delle strutture intrapsichiche e le relazioni oggettuali interne” (Gabbard, 1994 pag. 4)

Con la modalità nosologico descrittiva è opportuno, nel corso dei primi appuntamenti, fare molte domande e prendere appunti. Rimane sempre una buona regola comunicare preventivamente quest’approccio al paziente e chiedere il permesso di prendere direttamente (davanti a lui) appunti di natura riservata, rispettando il diritto di differire la risposta se in quel momento non si sente pronto a rispondere. Capire che il terapeuta non raccoglierà in nessun caso rivelazioni premature offre abitualmente sollievo al paziente. La fase anamnestica, indipendentemente dallo stile scelto dal terapeuta, è una prima tappa fondamentale che annota una serie d’informazioni indispensabili per poter accettare la presa in carico consapevolmente e, unitamente agli elementi non verbali colti, ad orientare l’ipotesi diagnostica e l’inizio del processo terapeutico.

La scelta dell’approccio psicodinamico richiede una particolare attenzione nei confronti del paziente, considerando l’opportunità e l’inopportunità di prendere appunti direttamente nel corso della seduta. Occorre evitare la perdita di contatto empatico che il continuo distogliere dello sguardo, e quindi dell’attenzione relativa ai processi in corso nella loro interezza, potrebbe indurre. Personalmente, preferisco dedicarmi interamente al paziente con il sistema interpretativo esplicativo, cercando di cogliere anche e soprattutto i processi corporei della diade. M’impegno a scrivere in un secondo momento una relazione sulla seduta.
E’ importante percepire emotivamente quello che il paziente prova, credo che la sola preoccupazione di ricordare ogni particolare importante per poi annotarlo fedelmente, costituisca una base per stemperare l’energia del qui ed ora, le persone sono molto più rassicurate quando sentono che il loro interlocutore è a proprio agio.
Una relazione terapeutica avrà probabilmente un buon inizio se il paziente percepisce la curiosità del clinico, la sua relativa mancanza di ansia e la convinzione che il trattamento appropriato potrà iniziare non appena sia stato meglio compreso.

Una possibile fonte del disagio di alcuni terapeuti con la diagnosi è
la paura di sbagliarla,

per fortuna la prima formulazione del clinico non deve essere necessariamente “giusta” per fornire i vantaggi descritti. Una formulazione inesatta può essere considerata solo un’ipotesi provvisoria, senza alcuna perdita per il processo.

Spesso il paziente prova gratitudine nei confronti dell’analista che evita ogni forma di arroganza terapeutica e dimostra invece il proprio interesse considerando diverse possibilità. (Nancy McWilliams, La Diagnosi Psicoanalitica, Astrolabio, Roma, 1999, parte I° - pag. 35)

In bioenergetica la fase diagnostica è di carattere narrativo processuale, i caratteri sono descritti dinamicamente, si pone una particolare attenzione alle risposte emotive del paziente. Lo scopo dell’analisi bioenergetica non è quello di sbloccare una situazione, lavoriamo sui blocchi per liberare le emozioni, in questa visione della psicoterapia, la diagnosi è un processo che accompagna l’intera esperienza terapeutica che, come sappiamo, si può articolare in diversi anni di lavoro. La diagnosi non rappresenta un'etichetta ma un profumo, utile per orientare il clinico verso una co-costruzione finalizzata al raggiungimento di un obiettivo comune ad entrambi, la risoluzione dei problemi del paziente ed il raggiungimento di un maggiore benessere corporeo, intrapsichico, interpersonale e relazionale.
La raccolta anamnestica richiederà più incontri, le domande dirette giudicate indispensabili si concentreranno nel primo colloquio, altro materiale, sempre importante, fluirà in armonia con i tempi, le scelte e gli insight del paziente, in un continuum orchestrato dal consolidarsi della relazione e dal crescere dell’alleanza terapeutica.


Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, psicoterapeuta, Analista Bioenergetico, Supervisore
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi

 



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Via Dante, Foro Buonaparte, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Via Buonarroti, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Porta Ludovica, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia. Psicologo a domicilio. A Milano psicologo a domicilio
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica