PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

mediazione familiare
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
interruzione della mediaz. familiare  
non mediabilità  
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
 














 
 

home> le regole della mediazione familiare

le regole della mediazione familiare

Il metodo di intervento della Mediazione Familiare si basa su una visione del conflitto come elemento di realtà, conseguente all'evento della separazione. Attiva la responsabilità e l'autonomia personale dei genitori nel prendere le decisioni che definiranno gli aspetti della nuova realtà di vita con i loro figli e utilizza alcune regole esplicite:

la neutralità del mediatore.
Il mediatore, come terzo neutrale e con una formazione specifica, sollecitato dalle parti, si adopera affinché i genitori elaborino in prima persona un programma di separazione soddisfacente per sé e per i figli, attraverso il quale gli ex coniugi possano esercitare con armonia, serenità ed equilibrio la comune responsabilità genitoriale.

La tregua dalle azioni legali.
La mediazione familiare non cerca né vinti né vincitori, ma vuole porre tutti i soggetti interessati sullo stesso piano. Per questo motivo i due partner dovranno impegnarsi a sospendere ogni azione di carattere legale nei confronti dell'altro durante tutto il periodo della mediazione.

La assoluta imparzialità del mediatore.
Sotto tutti i punti di vista. Per questo motivo non è possibile per uno dei due partner ottenere più attenzione rispetto all'altro: attraverso la richiesta di più appuntamenti individuali, mediante tentativi di convincere il mediatore che una parte abbia più o meno ragione dell'altra nella disputa e attraverso qualsiasi azione volta a rendere il mediatore terzo di parte, anche se solo pazialmente.

Impegno alla trasparenza.
Una relazione che si sviluppa nel tempo in modo indeterminato e con un obiettivo veramente importante, quale il rapporto di reciproca collaborazione nella gestione della genitorialità, deve svilupparsi all'insegna del reciproco rispetto e fiducia. Per questo motivo è importante che i due genitori comprendano come la lealtà, la sincerità e la trasparenza dovranno accompagnare la loro vita da genitori separati, soprattutto per l'interesse dei minori, che devono poter contare su di un progetto di vita scelto e agito nel rispetto dei sentimenti universali, indispensabili per una armonia di sviluppo.

Impegno alla collaborazione.
Entrambi i coniugi dovranno impegnarsi a collaborare per il buon esito della mediazione familiare. Si impegneranno a fornire tutte le informazioni utili per il buon andamento della mediazione, in tutte le sue fasi.

L'impossibilità del mediatore di testimoniare in tribunale.
Ancorché intimato dal giudice a deporre su fatti e circostanze avvenute in sede di mediazione familiare (non costituenti reato), il professionista mediatore può e deve avvalersi del segreto professionale. Tutti i contenuti, comprese le dichiarazioni, le riflessioni e le confessioni prodotte dai due coniugi in sede di mediazione familiare, non potranno in nessun modo essere utilizzate da una parte contro l'altra per avvalorare le proprie posizioni in sede giudiziale. Nel caso in cui la mediazione viene raccomandata da un magistrato o da un avvocato, il mediatore è tenuto a informarli sul fatto che se sia stato possibile stendere un progetto d’intesa, ma lascia tutta la libertà ai suoi clienti di comunicarne il contenuto.

Il progetto di intesa e la sua efficacia.
Il mediatore deve informare i suoi clienti che il progetto d’intesa non ha che un valore informale, ossia solo tra di loro. Nel caso di una procedura legale la sua trascrizione in un documento legale formale verrà realizzata da un avvocato, se la sua assistenza legale si rivelasse necessaria.

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore Familiare
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica