PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

mediazione familiare
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa è la mf
  è dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  gli effetti della separazione  
  conseguenze sui minori  
  la devianza  
  la funzione del mediatore  
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
 














 
 

home> il disagio dei figli> il disagio dei figli

il disagio dei figli nei casi di divorzio e separazione e le possibili violenze di ordine etico

Quando i genitori sono impegnati a litigare, i bambini non hanno la possibilità di vivere bene. Emerge nel fanciullo un disagio psicologico che rappresenta l'elemento cardine del suo futuro.
Egli potrà sviluppare comportamenti e atteggiamenti psicopatologicamente alterati. Sebbene sia impossibile sapere preventivamente quali saranno le conseguenze che un figlio dovrà subire, esistono elementi direttamente collegati: età del bambino, quantità e qualità dell'investimento affettivo verso le figura genitoriali (attaccamento), figure di riferimento alternative (zii, nonni, amici, etc.), elementi caratteriologici del minore (caratteristiche personali) e, soprattutto
IL MODO IN CUI I GENITORI GESTISCONO LE LORO CONFLITTUALITA: PRIMA, DURANTE E DOPO LA LORO SEPARAZIONE.
La paura di poter perdere le figure di riferimento affettivo per il bambino, può provocare in lui l'incapacità di elaborare il cambiamento legato alla separazione dei genitori e provocare ansia e depressione.
Secondo John Bowlby, psicoanalista britannico che ha elaborato la teoria dell’attaccamento, interessandosi particolarmente agli aspetti che caratterizzano il legame madre bambino e quelli legati alla realizzazione dei legami affettivi all’interno della famiglia, quanto più sicuro sarà l’attaccamento genitoriale tanto più forte sarà la capacità di un bambino di ‘resistere’alla separazione. Tuttavia, un bambino non potrà rimanere separato per lungo tempo da una delle figure genitoriali di riferimento, poiché questa situazione genererà una angoscia sempre crescente, con tutte le possibili conseguenze: tensione emotiva, ansia, attacchi di panico.

Quando i genitori scelgono per relazionarsi la disputa ad oltranza senza esclusione di colpi, i bambini sono spesso triangolati.  La triangolazione è una coalizione instabile in cui ciascun genitore desidera che il figlio parteggi per lui contro l'altro. Se c'è una triangolazione, il figlio rimane come paralizzato o diventa incongruo, in quanto cerca di dare ragione e affetto sia all'uno sia all'altro, alternativamente. Quando una tale situazione persiste, il bambino potrebbe sviluppare molteplici psicopatologie: "tentativi di addurre a se attenzione in modo patologico, alterazioni e disturbi del comportamento alimentare nel tentativo di modificare la sua immagine, allo scopo di nascondere il proprio sé disturbato dal comportamento dei genitori. La violenza psicologica può generare una ferita indelebile nel profondo del fanciullo.
 

La forma più frequente di violenza etica, non apprezzabile per il codice penale, agita ai danni dei figli minori consiste nell'

impedire loro di avere rapporti validi e significativi con entrambi i genitori.

Questa condizione viene avallata dai provvedimenti del tribunale che rendono il genitore affidatario, in via di diritto e in via di fatto, possessore dell' “oggetto-figlio”. I figli sono usati frequentemente come arma di ricatto o di “punizione” contro il genitore giudicato colpevole del fallimento del matrimonio. Per tali motivi, non sono rari i casi in cui la conflittualità della coppia genitoriale si traduce in una sofferenza di grado elevato del minore, che finisce col dimostrare segni di disagio psichico, disadattamento sociale, disturbi di origine nervosa.

Esiste una seconda forma di violenza, quella insita nella natura stessa dei provvedimenti giudiziali e nell'esecuzione forzata dei medesimi.

I provvedimenti giudiziali, se da un lato sono necessari ed ineludibili, dall'altro hanno insita, per la loro stessa natura coercitiva e rigida, una forma di violenza duplice: materiale e psicologica.
Da questa premessa si evidenzia  l'opportunità di una particolare attenzione rivolta ai servizi di tutela, prevenzione e assistenza verso i minori. Una nuova cultura dell'infanzia e della separazione libera da pregiudizi, che il nostro ordinamento non prevede e, talvolta, ostacola anche nel nome di un diritto certo e quindi astratto.

Una nuova cultura nella gestione della dissociazione coniugale, con una attenzione che rispetti e tuteli i minori coinvolti inevitabilmente nella disputa, richiede che i genitori sappiano fare entrambi un passo indietro nella gestione delle situazioni difficili che devono essere superate, riscoprendosi e riconoscendosi vicendevolmente figure valide per la crescita equilibrata ed armonica dei propri figli, nonostante tutte le problematiche collegate alla separazione.

 

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore Familiare
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica