PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo a domicilio - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Benvenuti! Questo sito è dedicato a  chi sente sofferenza, difficoltà nelle relazioni più importanti e desidera iniziare un percorso psicologico. E' sempre possibile migliorare la qualità della propria vita.
Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

mediazione familiare
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa è la mf
  è dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  gli effetti della separazione  
  conseguenze sui minori  
  la devianza  
  la funzione del mediatore  
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
 
















 
 

home>il disagio dei figli>  la devianza

la devianza

Quando il senso di colpa dei genitori si manifesta, a seguito delle continue carenze di amore incondizionato e di attenzione emotiva verso i loro bambini, in alcune situazioni, la tendenza compensatoria si concretizza con un eccesso di denaro e di regali materiali .
E’ veramente sconsigliato generare il meccanismo: "soldi e cose in cambio di affetto. Nelle famiglie di genitori separati in conflitto tra loro, la tentazione di usare la “generosità” materiale per conquistare considerazione verso i figli è comprensibile, ma non tutela i veri interessi dei minori. Una analisi profonda del genitori evidenzia che i soldi non possono in nessun caso compensare di debiti di affetto. Nella teoria sulla devianza, la devianza diventa disfunzione sociale (Robert K. Merton).
Il tema delle mete e dei mezzi, trattato dal sociologo, è veramente un argomento di attualità. Oggi, il concetto di meta si definisce come mezzo di potere, ricchezza ed integrazione sociale. Sono proposti dall'assunto teorico 5 stadi di adattamento progressivi:

  1. CONFORMISMO, si adeguano i propri mezzi e si accettano le mete sociali tipiche della categoria sociale di riferimento.
  2. RITUALISMO, si adeguano i propri mezzi e si riducono le mete alla propria scelta e condizione.
  3. INNOVATIVO, si rifiutano i mezzi e si innovano le mete, nuovi obiettivi di autorealizzazione sociale.
  4. RIBELLIONE, RIFIUTO DEI MEZZI E DELLE METE.
  5. ASTENSIONE, l'individuo sceglie di non prendere posizione.

Il problema che all'inizio del terzo millennio si pone, non riguarda le mete possibili, ma frenare l'idea che l'individuo sia onnipotente, in termini di conseguimento di mete e, soprattutto, che tutto sia lecito pur di raggiungere le mete bramate. E' una piaga sociale che richiede un lavoro sia verso i genitori, sia verso i figli. Occorre considerare quali siano i punti dove convergere l'attenzione  per comprendere il disagio sociale, con l'obiettivo di poter contenere il rischio di devianza:

  • I MODELLI: (esaltazione del rischio, individualismo). Individualizzazione dei successi e dei fallimenti senza alcuna spiegazione di una o dell'altra ipotesi. Emerge una eccessiva esaltazione a fronte dei successi ed una esagerata depressione per gli insuccessi che la vita, inevitabilmente, propone.
  • LA PERDITA DEI VALORI CONDIVISI, occorre attivare qualsiasi forma di risorsa mediante le classiche figure di riferimento: nonni, professori, maestri, etc. Un ancoraggio a figure pedagogiche di riferimento.
  • LA PLURALIZZAZIONE DELLE APPARTENENZE, la paura di sentirsi diversi, che non deve essere una costante da assecondare, ma tradursi nella elaborazione del suo perché. I minori devono temere di sentirsi diversi da quello che realmente sono e non da quello che vogliono sembrare. Su questo punto, i genitori hanno un dovere morale e sociale verso i propri bambini. Tradotto in termini pratici con un esempio: "non significa non regalare il telefonino ad un figlio in età prepubere, ma di accompagnare il regalo alle sue regole di utilizzo (a scuola deve essere necessariamente spento, occorre una certa parsimonia nel consumo, chiedere scusa ad un interlocutore se squilla il telefonino prima di rispondere, etc)".
  • ECCEDENZA DEGLI STIMOLI E SMARRIMENTO DELLE SCELTE. Condiviso da tutte le realtà genitoriali. L'orizzonte del consumismo e la perenne sensazione di deprivazione che rendono la persona sempre scontenta di ciò che possiede e cronicamente orientata e attratta dal nuovo, in quanto segno di status e moltiplicatore per una immagine di sè, patologicamente divergente dall'identità dell'individuo.
  • CRISI DEL PRINCIPIO DI LEGALITA'. La mancanza della percezione della certezza del diritto, l'impunità come costante e diritto, non come eccezione: "anomia"; mancanza di regole, stato di dissonanza cognitiva tra le aspettative normative e la realtà vissuta.
  • INCREMENTO DELL'INSICUREZZA SOCIALE ED INDIVIDUALE. Questo è il rischio che si corre di subire passivamente quando si scambia l'identità come valore fondante con l'identità come valore disponibile. L'identità personale esprimerà il momento in cui il singolo si percepisce affermato per la disponibilità di gratificazioni immediate in grado i sostituire figure e valori di riferimento.

Le parti non possono pensare di decidere della propria identità credendo di sostituirla attraverso il ricorso a gratificazioni, anche solo di carattere economico o materiale, la dove in presenza di figli sia comunque richiesto un riferimento di figure e, soprattutto, di sistemi valoriali; altrimenti ciò che viene minata è la possibilità stessa che si possa parlare di mediazione familiare.

In presenza di alterazioni dei valori fondanti, il rapporto genitori-figli è nell'impossibilità di penetrare un mondo di non valori, purtroppo condivisi dai coniugi. In questo caso la mediazione familiare dovrà cedere il passo ad interventi più radicali, di carattere legale, o di carattere psicologico.

 

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore Familiare
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Via Dante, Foro Buonaparte, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Via Buonarroti, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Porta Ludovica, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia. Psicologo a domicilio. A Milano psicologo a domicilio
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica