PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

mediazione familiare
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa è la mf
  è dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  gli effetti della separazione  
  conseguenze sui minori  
  la devianza  
  la funzione del mediatore  
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
 














 
 

home>il disagio dei figli>  le conseguenze sui minori

le conseguenze sui minori

Il mediatore dovrà creare le condizioni favorevoli e l'atmosfera di ascolto adeguata, affinché nel corso della mediazione familiare siano manifestati i soggettivi angoli di visione dei sistemi di valori di ognuno e della coppia, rispetto gli aspetti considerati negativi.
Il mediatore dovrà prendere posizione attraverso gli elementi emersi in mediazione, rispetto ai riferimenti di valore che entrambi i genitori hanno assunto nella scelta di condividere un percorso familiare per arricchire, gestire e valorizzare la reciproca responsabilità genitoriale.

Esiste una sintomatologia propria e possibile dei fanciulli in relazione alla loro età nel contesto separativo dei genitori.

Dal 1° al 2° anno di vita: rilevata difficoltà ad addormentarsi; disorientamento; difficoltà in campo linguistico; scarso interesse per i giocattoli.

Dal 2° al 3° anno di vita: regressione nell’educazione al controllo delle funzioni psicologiche (percezione, emozione, motivazione, memoria, apprendimento, pensiero e linguaggio); attraverso cui il bambino interagisce con l'ambiente ed elabora rappresentazioni dell'ambiente e di se stesso. Ricorso ad oggetti di sostituzione, implementazione delle figure, oggetti, irritabilità facile, timidezza, pianto, particolare bisogno di contatto, ostinazione e aggressività.

Dal 3° al 5° anno di vita: comportamenti aggressivi e paura dell’aggressione, atteggiamenti di paura, diminuzione dell’autostima. Scarsa fiducia nel prossimo con comportamenti introspettivi. Le reazioni si distinguono a seconda del sesso.
Per i maschi: deficit nello sviluppo sociale, incapacità di concentrazione.
Per le femmine si verifica una interiorizzazione dei problemi, tendenza ad isolarsi assumendo comportamenti pseudo-adulti, reazioni presuntuose.

Dal 5° al 6° anno di vita: aggressività, ansia, irritabilità, attacchi di rabbia, fobie, comportamenti dipendenti, sensi di colpa per la separazione dei genitori, premesse per la verbalizzazione partecipe del disagio.

Dal 7° al 8° anno di vita: le reazioni sviluppano una netta differenziazione, tristezza seguita dalla rassegnazione, il disfacimento della famiglia viene vissuta come vera e propria minaccia alla propria realizzabilità; i sensi di colpa diminuiscono, il conflitto edipico trova ritardate realizzazioni, depressione generale che conduce a isolamento e pianto, conflitti di lealtà per i genitori con rabbia e critica verso il genitore che è accusato di aver causato la separazione.

Dal 9° al 13° anno di vita: sindromi psicosomatiche e forme depressive dovute a un’eccessiva responsabilizzazione (pseudo-maturità – responsabilizzazione destrutturata), paura di essere lasciati soli che si traduce in vergogna sociale, problemi di identità in senso sociale, problemi di autostima con evidenti riflessi nell’ambito del rendimento scolastico. La paura di un destino incerto caratterizza un senso generale di solitudine.

Dal 13° al 19° anno di vita: reazioni più plateali e violente, rabbia, dolore, frustrazione per una sensazione di inganno, vergogna sociale, difficoltà a condividere le ragioni del conflitto, timore di un futuro incerto, capacità di inquadramento iper-realistico della separazione. Sono possibili anche relazioni diametralmente opposte; dubbi sulla propria capacità di avere rapporti sereni con un partner, dubbi di ordine generale verso il proprio partner, contatti distruttivi, forme di trascuratezza voluta sia nell’aspetto esteriore che nell’impegno scolastico.


Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore Familiare
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica