PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
colloquio psicologico - psicoterapia - mediazione familiare - consulenza di coppia - genitori e figli  - seduta di psicoterapia  

psicoterapia - psicologo psicoterapeuta - mediatore familiare - consulenza familiare - terapia di coppia - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935
Zona Corso Genova, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Torino, Duomo

mediazione familiare
 
  psicologia
  psicoterapia
  che cosa é
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
interruzione della mediaz. familiare  
non mediabilità  
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
 














 
 

home> le regole della mediazione > casi non mediabili

casi non mediabili o con scarsa mediabilità

Esistono situazioni di non mediabilità o di scarsa mediabilità. La mediazione familiare ha poche possibilità di successo quando:

  1. Le parti chiedono “giustizia”, rivolgendosi direttamente ed unicamente all'apparato giudiziario per ottenere un risarcimento o per umiliare il partner. In questa situazione vengono a mancare i presupposti fondamentali per avviare la mediazione. Per poter iniziare la mediazione occorre che i coniugi cambino atteggiamento prima di ogni passaggio successivo.


  2. Il ricorso all'autorità giudiziaria è un percorso obbligatorio. Quando la storia di una coppia è caratterizzata da episodi di sfruttamento sessuale, di violenza agita sul coniuge o sui figli, nonché problematiche riconducibili alla tossicodipendenza o all'alcolismo. In questi casi la mediazione non è efficace.

In questi casi è preferibile suggerire una altro percorso alle parti, quello della consulenza tecnica d'ufficio.

I centri a cui rivolgersi in queste particolari situazioni sono specializzati in consulenza, mediazione e terapia del divorzio. Essi operano a stretto contatto con la magistratura, intervengono sulla domanda di giustizia e di aiuto, tipica delle situazioni familiari a più grave rischio evolutivo, cercando di offrire le risposte più adatte, aderendo alle necessità di ogni famiglia.

Vi sono altri casi dove la mediazione familiare ha scarsa possibilità di riuscita:

  1. Dove è presente l'assoluta mancanza di comunicazione tra i componenti della coppia. Le parti non manifestano alcuna volontà di dialogare, né di litigare. Ricercare possibili accordi diventa impossibile, pensare al bene dei figli risulta uno sforzo insopportabile, perché ogni appartenente alla coppia considererà l'altro come se non esistesse, come se fosse così cambiato dai ricordi trascorsi da cancellare ogni segno della realtà in svolgimento.


  2. Quelli dove la vicenda separativa è gestita come se fosse una metaforica partita di calcio. Le due squadre, ovvero le due figure della coppia, giocano in modo sleale per vincere a tutti i costi. In questa gara si gioca per conquistare il maggior numero di tifosi allo scopo di intimorire l'avversario. In questa partita dell'assurdo gli stessi tifosi in un dato momento entrano in campo, commettendo anche loro qualsiasi scorrettezza pur di far vincere la propria squadra. Il gioco, senza arbitro e senza regole,  si fa sempre più ricco di falli ed aumenta la pericolosità; il rischio di subire danni aumenta in modo esponenziale con il continuare della partita.


  3. Un'altra situazione da valutarsi attentamente, consiste nella separazione vissuta come un incontro di boxe. In questo caso non si cercano alleati, la presenza di tifoseria è indesiderata. Ogni membro della coppia sembra voler risolvere tutto con lo scontro diretto che, abitualmente, non degenera in scontri di carattere fisico. Affetti, rabbia ed emozioni sono scaricati sull'avversario come colpi durissimi. I due pugili si affrontano anch'essi senza arbitro ed utilizzano tutti i mezzi a loro disposizione per aggiudicarsi la vittoria sull'altro. Quando l'avversario è in difficoltà si approfitta della situazione cercando di colpirlo per dargli il colpo di grazia.


  4. Esiste una ulteriore tipologia di mediazione impossibile, si verifica quando uno dei due soggetti della coppia genitoriale, calatosi nel ruolo di vittima, sceglie di recitare la parte dell'attore passivo e non offre alcun contributo per tentare di migliorare la gestione del conflitto. In questo caso la figura di uno dei due protagonisti si scolorisce, al punto da apparire unicamente come una scala di grigio, senza la speranza in una nota di colore.
     

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore Familiare
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

 

Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia, mediazione familiare a Milano

psicoterapia individuale - cura dell’ansia, della depressione, dello stress del disagio relazionale ed esistenziale

psicoterapia di coppia - meccanismi inconsci possono condizionare gioie, liti, conflitti, tradimenti e incomprensioni familiari

psicoterapia di gruppo - di analisi bioenergetica, la conduzione che si struttura anche attraverso il linguaggio del corpo

colloquio psicologico - è un incontro tra uno psicologo e una persona che lo contatta a causa di un malessere

ansia e attacchi di panico - la respirazione corta è condizionata da difese caratteriali per la sopravvivenza infantile

depressione, calo di energia - inchioda l'individuo, tristezza, sconforto, disagio, malinconia, si impossessano di lui

problemi caratteriali, relazionali - bisogno di intimità e auto espressione, paura che i due elementi possano escludersi



 

     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158 Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, supervisore, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 20123 Milano - cell. 347 2593935. Zona Corso Genova, Porta Genova, Piazza Cantore, Darsena, Navigli, XXIV Maggio, De Amicis, Sant'Ambrogio, Papiniano, Solari, Olona, Coni Zugna, Cesare Correnti, Piazza Vetra, Via Torino, Duomo. Zona, Zone: Piazza Sant'ambrogio, Via Edmondo De Amicis, Via Carducci, Via San Vittore, Piazza Cadorna, Castello Sforzesco, Brera, Via Olona, Viale Papiniano, Via Coni Zugna, Via Foppa, Via Solari, Piazza Napoli, Via Washington, Piazza Piemonte, Corso Vercelli, Piazza Baracca, Corso di Porta Vercellina, Via Boccaccio, Piazza Conciliazione, Piazza Cadorna, Corso Genova, Porta Genova, Via Cristoforo Colombo, Via Vigevano, Viale Gorizia, Darsena, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, Colonne di San Lorenzo, Via Meda, Navigli, Alzaia Naviglio Grande, Alzaia Naviglio Pavese, Piazza Carrobbio, Via Torino, Piazza Duomo, Via Orefici, Corso Magenta, Via Boccaccio, Via Vincenzo Monti, Via Meravigli, Piazza Cordusio, Piazza Missori, Corso Italia, Corso di Porta Romana, Via Molino Delle Armi, Via Santa Sofia, Viale Gabriele D'Annunzio, Via San Damiano, Viale Beatrice D'Este, Corso Venezia, Corso Monforte, Via Senato, Piazza Cavour, Via Fatebenefratelli, Piazza Meda, Viale Bligny, Via Bocconi, Viale Beatrice D'Este, Viale Sabotino. Fermata metropolitana vicina/Fermate metropolitane vicine. Linea Rossa: De Angeli, Wagner, Pagano, Conciliazione, Cadorna, Cairoli, Cordusio, Duomo, San Babila, Porta Venezia. Linea Verde: Romolo, Porta Genova, Sant'Agostino, Sant'ambrogio, Cadorna, Lanza, Moscova. Linea Gialla: Porta Romana, Crocetta, Missori, Duomo, Montenapoleone, Turati, Repubblica. Linea Blu: Washington Bolivar, Foppa, Via San Michele Del Carso, Sant'ambrogio, De Amicis, Vetra, Santa Sofia, Sforza Policlinico, San Babila, Tricolore. Studio di psicologia, psicoterapia, consulenza di coppia.
Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 - e-mail: **info@mediazionefamiliaremilano.it**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica