PSICOLOGIA,  PSICOTERAPIA E MEDIAZIONE
il colloquio psicologico  -  la psicoterapia  -   la mediazione familiare  -   la consulenza di coppia  

psicoterapia - psicologo - mediatore - consulenza familiare - studio - articoli - bioenergetica 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3 - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935

psicologia psicoterapia
 
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
bambini maschi  
bambine femmine  
egocentrismo  
la nevrosi  
l'allattamento  
bambini tutto cuore  
l'anoressia  
sovrappeso obesità  
la depressione  
la paura  
il sintomo  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
l'anziano saggio  
la creatività  
sesso e sessualità  
maturità sessuale  
amori dolorosi  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
il bambino libero  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
transfert e controtransfert  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
giudicare i bambini  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
carattere e corpo  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
l'arte della psicoterapia  
proiezioni e psicoterapia  
SIAB nascita genitorialità  
Saper dire "No"  
.














 
 

home> psicologia > sviluppo psicosociale

Lo sviluppo psicosociale di Erik Erikson

Erik Erikson (1902 - 1994), nella sua giovinezza si dedicò allo studio dell’arte, visitò molti paesi, in seguito fu insegnante per famiglie americane residenti a Vienna.
Fece ingresso nel circolo freudiano quasi casualmente, esperienza che consentì l’ammissione all’Istituto Psicoanalitico Viennese. Avviò la sua psicanalisi personale con Anna Freud ed ebbe come insegnante Sigmund Freud.
Nel 1933, per allontanarsi dal fascismo, si stabilì negli Stati Uniti, diventando il primo psicoanalista infantile di Boston. Successivamente, occuperà posti di rilievo presso famose istituzioni, tra cui la Behavioral Sciences di Palo Alto.
Erik Erikson studiò nel corso della seconda guerra mondiale le profonde crisi cui erano affetti i soldati americani; l'educazione dei bambini presso i Sioux e gli Yuok; il gioco dei bambini normali e disturbati; gli adolescenti e le loro crisi di identità; il comportamento sociale in India. Si occupò dei mutamenti sociali che avvenivano negli Stati Uniti e scrisse riguardo molti argomenti, tra cui le questioni razziali, i pericoli della guerra nucleare, la delinquenza giovanile.

Le teorie elaborate da Erikson possono essere definite teorie neofreudiane. Hanno in comune con la teoria dello sviluppo psicosessuale di Sigmund Freud:
1) LA CONDIVISIONE DELLA TEORIA DELL'INCONSCIO,
2) LA CONDIVISIONE DI BUONA PARTE DELLA TEORIA DELLO SVILUPPO DELLA PERSONALITA'.

Erikson, a differenza di Freud:
A) RIDIMENSIONA L'IMPORTANZA CHE FREUD ATTRIBUISCE ALLA SFERA SESSUALE,
B) NON CONDIVIDE L'OMISSIONE DELLA SITUAZIONE SOCIOCULTURALE NEGLI STADI EVOLUTIVI.

Gli stadi dello sviluppo psicosessuale di Sigmund Freud sono rielaborati e definiti stadi dello sviluppo psico-sociale, arricchiti delle variabili socioculturali. Secondo Erik Erikson la cultura e la società penetrano nel processo di sviluppo della personalità. Considera lo sviluppo dal ventre materno alle viscere della terra (dalla nascita alla morte di un individuo), attraverso 8 stadi di sviluppo. Lo sviluppo trova la sua conclusione con il termine della vita, mentre per Freud lo sviluppo della personalità si conclude con l'adolescenza. Erikson estende lo studio includendo anche l'età giovanile, la maturità e la terza età.

Il compito più importante di ogni individuo nel suo percorso di vita è rappresentato dalla RICERCA DELLA PROPRIA IDENTITA' PERSONALE. Occorre comprendere chi siamo, che cosa vogliamo, quali sono i nostri valori, le nostre credenze ed i nostri veri propositi nelle scelte di vita. L'identità è assunta dall'individuo superando i molteplici problemi dell'esistenza, definiti: CRISI EVOLUTIVE. Le crisi evolutive sono il risultato di una maturazione, in armonia con l'insieme delle attese che la società ha nei confronti dell'individuo; momento per momento, stadio dopo stadio. Ogni superamento consente il passaggio allo stadio successivo.
I problemi che la persona incontra e che non riesce a risolvere nel corso dello sviluppo si cumulano e si ripresentano nello stadio di sviluppo successivo. Il superamento più o meno completo delle varie fasi di sviluppo e la soluzione o non soluzione completa delle numerose crisi e dei problemi di identità, caratterizzano l'individuo nella sua interezza. Per ogni crisi evolutiva Erikson indica una felice riuscita e, in contrapposizione, prevede un possibile fallimento, con le sue conseguenze.

GLI STADI DELLO SVILUPPO PSICO-SOCIALE:

  1. Fiducia opposta a sfiducia dalla nascita al primo anno
  2. Autonomia opposta a vergogna o dubbio da uno a tre anni
  3. Iniziativa opposta a senso di colpa da tre a cinque anni
  4. Industriosità opposta a senso di inferiorità da cinque a dieci anni
  5. Identità opposta a dispersione o confusione di ruoli Preadolescenza e adolescenza
  6. Intimità opposta a isolamento età giovanile
  7. Generatività opposta a stagnazione Anni della maturità
  8. Integrità dell'IO opposta a disperazione la terza età

1° STADIO - Fiducia opposta a sfiducia (fase orale freudiana) 0 - 1 anno circa
Il bambino supera il problema della sfiducia attraverso una buona relazione con la figura della madre. La fiducia verso la madre rappresenta per il bambino alla fiducia universale, verso tutto il mondo della realtà che lo circonda. Se la relazione con la figura materna si presenta disturbata, il bambino svilupperà un intenso senso di sfiducia che gradualmente si espanderà a tutta la realtà che lo circonda.

2° STADIO - Autonomia opposta a vergogna o dubbio (fase anale freudiana) 2 - 3 anni circa
In questo stadio il bambino inizia a fare le sue prime conquiste nelle abilità motorie, cammina con sempre maggiore disinvoltura ed impara a correre. Inizia a sperimentare una autonomia. Se i genitori non ostacoleranno questo processo il bambino si avvierà ad una sempre maggiore indipendenza. Al contrario, se i genitori si dimostreranno eccessivamente ansiosi, limitando fortemente la psicomotricità del bambino con frequenti divieti: "non correre, non saltare, stai fermo, attento che se cadi ti fai male, finirai allOspedale, etc., egli accuserà le reiterate proibizioni inibendosi e perderà la sua naturale inclinazione all'autonomia, tipica di questa fase. Successivamente, considererà l'autonomia come un agente negativo, fonte di forti frustrazioni.

3° STADIO - Iniziativa opposta a senso di colpa - (fase edipica freudiana) 3/4 - 5/7 anni circa
Aumentano le opportunità di comportamento autonomo rispetto allo stadio precedente, le abilità sono meglio sviluppate ed utilizzate. Il bambino diventa esplorativo, curioso e osa esperienze precedentemente impensabili. Se i genitori accetteranno questa nuova situazione ci sarà una soluzione positiva alla crisi. Laddove, i genitori non accetteranno e puniranno le nuove curiosità (soprattutto quelle sessuali), i bambini svilupperanno un senso di colpa.

4° STADIO - Industriosità opposta a senso di inferiorità - (fase di latenza freudiana)
                                                                                                6/7 - 10/11 anni circa
In questo periodo i bambini, secondo Erikson, sono particolarmente attratti dal mondo della Scuola. Desiderano avere successo in questa nuova esperienza, avere successo negli apprendimenti, guadagnare la considerazione degli insegnanti e riuscire nella socializzazione, cioè ad essere accettati dai compagni. Se il bambino riuscirà a superare queste difficoltà svilupperà un senso di operosità.
                                      LA SENSAZIONE DI ESSERE IN GRADO DI
Chi non riuscirà a superare queste difficoltà sperimenterà un drammatico senso di inferiorità ed un sentimento di non essere all'altezza di. Abitualmente, gli insegnanti delle scuole primarie possiedono sufficienti competenze e sensibilità per favorire una positiva determinazione del fanciullo in questo delicato passaggio. In presenza di situazioni veramente e chiaramente a rischio per il fanciullo, è da considerare un possibile cambio di istituto, valutato con le strutture sociali di riferimento (psicologo, psicoterapeuta, psicopedagogista).

5° STADIO - Identità opposta a dispersione e confusione di ruoli - (fase genitale freudiana)
                                                                                                        preadolescenza e adolescenza.
Il compito fondamentale dell'adolescente in questa fase è conquistare la propria identità. E' noto che l'adolescenza è considerata la fase della "crisi di identità". I genitori non devono adottare comportamenti ambigui con i ragazzi, relazionando con loro a volte come se fossero bambini e a volte come se fossero adulti. I genitori dovrebbero osservare l'evoluzione rapida del fanciullo investito dalla tempesta ormonale, tipica di quel periodo e adeguare il modo di rapportarsi con lui armonizzandolo ai naturali cambiamenti dell'adolescente. Quando i genitori non adottano comportamenti ambigui, confusi e disorientanti nei confronti dell'adolescente e assecondano con opportunità, equilibrio e amore le micro-fasi di questo periodo, i ragazzi potranno ricevere un aiuto fondamentale e conquistare la loro identità.

6° STADIO - Intimità opposta ad isolamento - età giovanile (poco definita in questa epoca)
Il giovane avverte la necessità di una relazione intima appagante che può trasformarsi in una relazione stabile e duratura, sia come unione tra sessi opposti (amore, passione, progetto di vita), sia come relazione asessuata (amicizia). Chi non riuscirà a vivere questo profondo sentimento di intimità, sentirà un forte senso di isolamento e solitudine.

7° STADIO - Generatività opposta a stagnazione - la maturità
In questa fase la crisi che la persona è chiamata a superare riguarda la procreazione. Procreazione non intesa solo in senso letterale; considerata con una più ampia accezione che prevede la possibilità di lasciare qualcosa alle generazioni successive. Come nel caso dell'Insegnante, del ricercatore, dell'artista, etc. Tuttavia, in questo periodo l'individuo sente il grande bisogno di procreare, di realizzarsi professionalmente e di offrire un importante contributo per educare le nuove generazioni. Chi non avrà successo in questo compito di sviluppo, sperimenterà un senso di stagnazione, di immobilità e soprattutto della inutilità riferita alla propria esistenza..

8° STADIO - L'integrità dell'IO opposta a disperazione - la terza età, l'ultimo periodo della vita
E' lo stadio nel quale l'individuo, giunto vicino al traguardo della propria vita, osserva il suo percorso e si guarda indietro cercando di comprendere se sono stati commessi gravi errori. Si riflette se si è soddisfatti di come si è vissuto o se bisogna provare rimpianto per qualcosa che si poteva fare, che non si è fatto e che è troppo tardi per fare ora. Se il bilancio è positivo, quando l'individuo non sente forti rimpianti e avverte un senso di soddisfazione, tutto questo favorirà una integrità dell'IO. L'integrità dell'IO in questa fase consente di congedarsi dalla vita serenamente, accettando la propria morte con una calma emotiva, nella consapevolezza che il viaggio è stato bello, gli obiettivi sono stati realizzati e rimane poco prezioso tempo per godere della vita, senza rimpianti e rimorsi.

Nel corso della vita rancori, invidie, ossessioni, il risultato di drammi esistenziali non elaborati e non superati, possono far viaggiare l'individuo attraverso un tunnel le cui fermate appaiono sfuocate e la fine della corsa lontana. Il tempo passa, la fine del tunnel, inesorabilmente, si avvicina e le fermate trascurate nel passato non torneranno più. Le fermate sono i momenti di riflessioni, le introspezioni, i profondi respiri che consentono di vedere le situazioni, i sentimenti, liberi dal nero involucro arrotolato dai nostri demoni. Vale la pena, quando si è ancora in tempo, scendere ad una fermata, salire in superficie e osservare la clessidra della nostra vita, regalarci il tempo che serve per qualche profondo respiro, ascoltare i suoni, sentire l'aria, gli odori ed i ricordi lontani. Solo chi ha il coraggio di fermarsi ogni tanto, scendere a qualche fermata senza paura, ascoltarsi e ascoltare, espandersi emotivamente e non costringersi chiudendo il cuore agli affetti, potrà congedarsi dalla sua esistenza con l'orgoglio nel cuore di essere stato l'eroe della propria vita.

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158  Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 - 20123
Milano - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935 - Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 e-mail: **click qui**   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica