bioenergetica - radicamento - limiti e tensioni - studio a milano - psicoterapia - esercizi bioenergetici 

Studio di Psicologia, Psicoterapia - Analisi Bioenergetica, Consulenza di Coppia e Mediazione Familiare
20123 Milano, Via San Vincenzo 3  -  tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935

psicologia psicoterapia
 
  che cosa é la mf
  é dedicata a
  quanto dura
  le sue regole
  il mediatore
  disagio dei figli
  consulenza familiare
  lo studio
  chi siamo
  contatti
  psicologia
l' autostima  
lo stress  
dimagrire, peso  
la fase edipica  
la donna isterica  
il narcisismo  
il carattere  
il complesso di inferiorità  
il senso di colpa  
identità e immagine  
egocentrismo  
la nevrosi  
la depressione  
la paura  
la solitudine  
la realtà  
la saggezza  
la creatività  
sesso e sessualità  
maturità sessuale  
il fallimento del matrimonio  
liti e conflitti  
l'educazione dei figli: si, no, devi  
la motivazione  
la mente umana  
sigmund freud  
lo sviluppo psicosessuale  
i meccanismi di difesa dell'Io  
lo sviluppo psicosociale  
J. Bowlby teoria dell'attaccamento  
* Bioenergetica *  
bioenergetica  
psicoterapia bioenergetica  
la sua storia  
psicoterapia corporea  
energia vitale  
grazia e bellezza  
grazia e bellezza dei bambini  
genitori adeguati  
psiche e soma  
il grounding  
rabbia e collera  
blocchi e tensioni  
paura e rabbia  
amore e regole  
il cavalletto bio  
il corpo vibrante  
gli occhi e l'anima  
educazione vasino  
energia carattere  
illusione e realtà  
il piacere  
la malattia  
la libertà interiore  
psiche e soma  
classi di esercizi  
classi a milano  
le strutture caratteriali  
il carattere schizoide  
il carattere orale  
il carattere psicopatico  
il carattere masochista  
il carattere rigido  
il narcisismo patologico  
corpo e psiche  
organizzazione personalità  
ideale illusione io  
psicoterapia, diffidenza e sessualità  
SIAB nascita genitorialità  
.














 
 

home> psicologia > bioenergetica > lo stato di grazia dei bambini

lo stato di grazia dei bambini

Lo stato di grazia dei bambini è tipico della natura, come ogni mammifero, anche il cucciolo d'uomo nasce in stato di grazia animale, anche se non possiede nei primi mesi di vita una buona coordinazione motoria. Anche i piccoli di altre specie di animali nel primissimo periodo di vita appaiono goffi nel tentativo di stare in piedi e muoversi nello spazio. Tuttavia, l'acquisizione del coordinamento e la crescita avvengono naturalmente, in armonia con la programmazione genetica, senza alcuno sforzo. Il movimento più riconoscibile che il bambino compie è lo sporgere della bocca e delle labbra per poppare il seno materno. E' un movimento spontaneo, aggraziato e piacevole da osservare, come l'aprirsi dei petali di un fiore al sole del mattino. La bocca è un organo che matura subito dopo la nascita, è l'orifizio attraverso cui il bambino si ciba, l'azione di suggere è fondamentale per la vita. Alcuni adulti presentano labbra dure e poco flessibili, mascelle contratte al punto di non riuscire nemmeno a spalancare la bocca con naturalezza. Gli accadimenti dei primi mesi di vita possono condizionare l'individuo per l'intera esistenza.
Tra i 4 e gli 8 mesi di vita il controllo della corteccia si estende anche ai nervi spinali superiori consentendo il controllo degli arti superiori, è il periodo nel quale il bambino è in grado di protendere il braccino per toccare la mamma e lo fa in modo tenero, gentile, bello da vedere e da sentire. Quando le condizioni dell'ambiente non consentono al bambino di seguire i suoi graziosi impulsi naturali, egli perde la grazia per conformarsi alle aspettative dei genitori. Le correzioni parentali che non riconoscono la naturalezza e la spontaneità del bambino, comunicano al piccolo che la sua grazia e la sua naturalezza corrisponde ad un comportamento "cattivo", da correggere. Se l'energia del fanciullo tenta di resistere ad una situazione per lui assurda, frequentemente viene etichettato come "cattivo". L'assurdità riguarda la realtà non vista dagli adulti: gli impulsi e il comportamento del piccolo sono innocenti, ispirati proprio dalla natura umana.
Nonostante questo, fino a quando al bambino non è negata la dignità della protesta, egli non perderà la grazia perché non sarà costretto ad irrigidirsi. Il pianto è il mezzo che permette di sciogliere le tensioni provocate dalle frustrazioni, ma quando lo si rimprovera perché piange, non gli rimarrà altra possibilità, per adeguarsi alla richiesta, che trattenere le vibrazioni dei singhiozzi e ingoiare le sue lacrime. Il corpicino si contrae, le spalle si alzano, sul viso appare la smorfia del dolore. A quel punto il bambino è cacciato dal suo stato di grazia e diventa un individuo imprigionato dalle sue contrazioni muscolari che bloccano spontaneità e naturalezza, non sarà più in grado di "seguire la propria beatitudine". Un altro sentimento naturale poco tollerato dai genitori è la rabbia, soprattutto quando è indirizzata a loro. La rabbia del bambino per le imposizioni e le costrizioni si oppone al potere e al controllo dei genitori, per questo sono pochi gli adulti a tollerarla. Le punizioni sono spesso la conseguenza di questo sentimento. In alcuni casi anche attività naturali e innocenti come la corsa, le urla e la vivacità possono infastidire taluni genitori che pretendono di soffocare la gioia di vivere del fanciullo, dicendogli di stare buono, seduto e tranquillo.
Per molti genitori, bloccare il pianto del fanciullo corrisponde a comunicargli: non farmi vedere quanto ti ho fatto soffrire.
La soppressione della rabbia intende chiarire: qui comando io, e basta.
Per l'educazione dei figli è indispensabile un certo controllo, ma a beneficio del bambino e non dei genitori, diversamente la conflittualità si trasforma in lotta di potere. In questa tragica situazione si distrugge il legame d'amore tra figlio e genitori. Non ha importanza se vince una parte o l'altra, se il piccolo si sottomette o si ribella, l'interruzione dell'amore compromette la spiritualità del bambino, che smarrisce la sua grazia. La perdita di grazia è un fenomeno fisico, che osserviamo nel modo di muoversi e di atteggiarsi della gente. Nelle sedute di psicoterapia, assai spesso il paziente assume la posizione del bambino buono in attesa che gli si dica quel che deve fare. E' un atteggiamento inconscio, che si è ormai radicato nella personalità strutturandosi nel corpo. Quando faccio osservare ai pazienti l significato di questa loro posizione, essi invariabilmente mi confermano che i genitori li consideravano dei bambini buoni. Questi bambini buoni, crescendo, diventeranno lavoratori produttivi, ma non saranno mai vivaci o aggraziati se non avverrà nella loro personalità un trasformazione radicale.

Si dice spesso che siamo formati dalla nostra esperienza, ed è un'affermazione che io intendo alla lettera: il nostro corpo rispecchia le nostre esperienze. (Alexander Lowen, La spiritualità del corpo, capitolo I, pag. 18, Astrolabio, Roma, 1991)

 

 

 

Dott. Cosimo Aruta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Bioenergetico
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Lombardia con il n° 12147

     

psicoterapia - sostegno psicologico - consulenza psicologica - colloquio psicologico - liti e conflitti - lo studio

P. Iva 11664040158  Dott. Cosimo Aruta, psicologo, psicoterapeuta, analista bioenergetico CBT, mediatore familiare. Studio M.F. Via San Vincenzo 3 - 20123
Milano - tel. 02 58105826 - cell. 347 2593935 - Aut. Pubbl. Ordine degli Psicologi della Lombardia. rif. nr. 08/10756 e-mail: info@mfm.it   

I documenti contenuti in questo sito sono solo a livello informativo e non vanno intesi come sostituti di una visita specialistica